Domenica, 01 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il bus ungherese in fiamme sull'A4, un testimone: ho visto gente bruciare viva
SEDICI VITTIME

Il bus ungherese in fiamme sull'A4, un testimone: ho visto gente bruciare viva

VERONA. "Ho visto gente che bruciava viva, sono immagini terribili che non potrò mai dimenticare". E' la drammatica testimonianza dell'incidente del pullman ungherese sulla A4 di uno degli automobilisti che seguiva il mezzo, poi rimasto bloccato in coda. "Sono sceso e mi sono diretto a piedi per vedere se ci fosse bisogno di aiuto. Si sentiva urlare - prosegue - le persone si mettevano le mani nei capelli. C'erano un paio di corpi che bruciavano, ancora vivi".

"C'erano altri corpi che erano stati sbalzati fuori dal pullman - prosegue il testimone -, ragazzi che erano usciti dal finestrino, in maniche corte, urlavano disperati in preda al terrore. Scene disumane". "Sono tornato in auto - continua nel racconto -: c'erano 3 gradi sotto zero, non si poteva restare fermi con il motore spento. Poco prima delle tre hanno liberato la carreggiata e siamo potuti ripartire. Ho scorto solo la carcassa del pullman, ormai completamente distrutto".

In lacrime, choccati, terrorizzati dall'aver visto compagni bloccati all'interno del pullman avvolto dalle fiamme e trafitto da un pilone contro cui era finito in A4. Questa l'immagine di un mezzo che si è trasformato "in una trappola che subito ha preso fuoco" che emerge dai racconti dei sopravvissuti al rogo. Il console generale d'Ungheria a Milano, Judit Timaffy, ha incontrato nelle alcuni dei sopravvissuti ospitati in un hotel dopo essere stati assistiti dagli agenti della polstrada.

Gli studenti, ragazzi e ragazze, come alcuni adulti, hanno detto che l'impatto li ha colti nel sonno. "Si erano fermati circa un'ora prima a una stazione di servizio per fare una sosta - ha detto la console -. Poi erano ripartiti e molti mi hanno detto che avevano preso sonno e sono stati svegliati dall'impatto". Dopo una scena apocalittica, con urla, pianti, finestrini spaccati per mettersi un salvo, tentativi di aiutare gli altri a uscire.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X