Giovedì, 20 Giugno 2019
MALTEMPO

Strade chiuse e treni bloccati per la neve, l'Anas: non vi mettete in viaggio se non necessario

di
freddo, gelo, meteo, neve, Sicilia, strade, treni, Sicilia, Cronaca
Neve a Valledolmo (foto di Antonello Zimbardo)

PALERMO. "Non vi mettete in viaggio se proprio non siete costretti a farlo". L'eccezionale ondata di gelo nel sud Italia, che ha colpito anche la Sicilia, ha messo in ginocchio strade e autostrade dell'Isola, e l'Anas, l'ente che gestisce la viabilità, ha emesso una avviso che sconsiglia di mettersi in viaggio. Tra le zone considerate "pericolose" c'è anche la Sicilia Nord-Est, da Palermo a Messina, arrivando fino a Catania.

La situazione, rispetto alla mattina, non è migliorata. Anzi. La morsa del gelo non cede e i trasporti continuano a risentirne. Ancora neve e ghiaccio su molte strade statali e provinciali nel palermitano. Caltavuturo è ancora isolata. La strada da Termini Imerese è bloccata. Notevoli i disagi sulla strada provinciale 8 di Lercara Friddi così come la statale 120 di Petralia ricoperta di neve.  Nel corleonese le statalo 118 e 188 sono ricoperte di ghiaccio. Decine gli interventi dei carabinieri in soccorso di automobilisti e camionisti rimasti bloccati o di residenti che dovevano raggiungere gli ospedali.

In molte zone a quote suporiori o prossime ai 1.000 metri si è registrata scarsa visibilità e forte vento ed alcune strade sono state del tutto o parzialmente chiuse al transito e sono in atto presidiate dalla Polizia Provinciale, dalla Guardia di Finanza o dai Carabinieri.  In particolare e come prevedibile nella zona di Piano Battaglia, di Polizzi, di Collesano e delle Petralie si registrano le nevicate maggiori.

Attualmente la situazione della viabilità è la seguente, tenuto presente che in tutta l'area vige l'obbligo di catene a bordo o di pneumatici da neve. Nel caso di catene, si ricorda che è estremamente pericolosa compiere le operazioni per la loro installazione a bordo strada, in quanto causa di potenziale rischio per sé stessi e per la circolazione.  La strada da Portella Colla (Piano Cervi) in direzione di Piano Battaglia è libera grazie al lavoro in corso dei mezzi spazzaneve e spargisale. La strada da Polizzi Generosa a Portella Colla è chiusa.  Sono inoltre chiusi gli accessi al Bibio Mongerrati sulla SP9 nella zona di Isnello e il bivio per l'ospedale di Petralia.

Secondo giorno di neve in Sicilia, lo spettacolo delle Eolie imbiancate - Foto

Disagi nella circolazione nelle autostrade Palermo-Catania e Palermo-Mazara del Vallo. Tratti ricoperti di neve a Tremonzelli ed Enna e a Segesta. Statali Palermo-Agrigento e Palermo-Sciacca con la neve nella zona di Lercara Friddi e Giacalone e San Giuseppe Jato. Situazione particolarmente difficile anche sulla Messina-Catanua, che è stata chiusa per 3 ore nel tratto tra Acireale e Giarre, per incidente al Km 61 in direzione Messina, con deviazione del traffico lungo la S.S. 114.

Tetti imbiancati, vento e gelo da Palermo ai Nebrodi: le immagini della Sicilia sotto la neve

Anche a Messina temperatura in calo e stamattina una nuova nevicata. Impercorribili nel Messinese molte strade provinciali, anche nel pomeriggio: situazione critica a Capizzi, dove sono bloccate alcune strade, e a Floresta, dove alcune famiglie sono isolate da ieri. La carreggiata in direzione Palermo della tratta Boccetta-Villafranca Tirrena e lo svincolo di Giostra dell'autostrada Messina - Palermo sono rimaste chiuse ieri per l'intera mattinata. Il Consorzio autostrade siciliane invita gli utenti a circolare con la massima prudenza e munirsi di catene a bordo. Ieri molti mezzi sono rimasi bloccati in autostrada e sui colli San Rizzo, con diversi incidenti. C'è anche chi però approfittando della neve ha pensato di creare singolari opere come Mario Valenti, giovane scultore di Rocca di Capri Leone, che ha realizzato una statua di neve raffigurante San Cono.
Problemi anche per la circolazione ferroviaria nelle zone interne della Sicilia, e non solo. Bloccata la Palermo-Agrigento e anche la Roccapalumba-Catania, con le zone "ai piedi delle Madonie" che, senza treni, in questo modo sono praticamente isolate, e problemi anche per arrivare a Caltanissetta, Enna e le zone più "in alto" all'interno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X