Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Vialli lascia la nazionale: "Devo curarmi". Solidarietà dal mondo sportivo e non solo
L'ANNUNCIO

Vialli lascia la nazionale: "Devo curarmi". Solidarietà dal mondo sportivo e non solo

Sicilia, Calcio
Gianluca Vialli

Un nuovo, duro, passaggio per Gianluca Vialli e la sua lotta contro il tumore che lo perseguita da anni, e che affronta con coraggio e sincerità. Il campione e capodelegazione degli Azzurri ha annunciato che sospende i suoi impegni professionali per «utilizzare tutte le energie psico-fisiche per aiutare il mio corpo a superare questa fase della malattia».
Una decisione presa «al termine di una lunga e difficoltosa ’trattativà con il mio meraviglioso team di oncologi», scrive Vialli ai suoi tifosi ed estimatori «in modo da essere in grado al più presto di affrontare nuove avventure e condividerle con tutti voi. Un abbraccio».
Al drammatico annuncio ha subito risposto il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, secondo cui Vialli «è un protagonista assoluto della Nazionale italiana e lo sarà anche in futuro. Grazie alla sua straordinaria forza d’animo, all’Azzurro e all’affetto di tutta la famiglia federale, sono convinto tornerà presto. Può contare su ognuno di noi, perché siamo una squadra, dentro e fuori dal campo».
Era stato proprio lui, nel novembre 2018, a rivelare significativi progressi dopo la diagnosi di un cancro, un intervento chirurgico e il trattamento successivo. «Sto meglio - aveva raccontato - ma sono curioso di come andrà a finire». Quando l’anno successivo venne chiamato all’incarico federale, definì il suo male «un compagno di viaggio indesiderato», aggiungendo poi che «devo andare avanti a testa bassa, senza mollare mai, sperando che si stanchi e mi lasci vivere ancora per tanti anni».
E non c’è dubbio che un ruolo importante lo abbia giocato la sua presenza accanto a Roberto Mancini, e la sua forza morale nello staff azzurro, nella vittoria della nazionale ai Campionati europei dello scorso anno. L’abbraccio e il pianto liberatorio tra i due ex ‘gemelli del gol’ sampdoriani al termine della finale di Wembley resta un’immagine a suo modo storica.
Dopo quel trionfo Vialli si era eclissato, non era andato a Roma per i festeggiamenti di Euro 2020 ma aveva preferito rimanere a Londra con la famiglia, recandosi poi in pellegrinaggio al Santuario della Beata Vergine della Speranza di Grumello, in provincia di Cremona.
In moltissime apparizioni pubbliche e sui media, Vialli ha sempre fatto riferimento alla malattia, e all’eventualità della morte: «La malattia - aveva detto ad Alessandro Cattelan in un programma su Netflix - non è esclusivamente sofferenza: ci sono momenti bellissimi. La vita, e non l’ho detto io ma lo condivido in pieno, è fatta per il 20% da quello che ti succede ma per l’80% dal modo in cui tu reagisci a quello che accade. E la malattia ti può insegnare molto. Non dico al punto di essere grato nei confronti del cancro...». Ora lo attende un altro sforzo, e tutti lo attendono di nuovo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X