Giovedì, 29 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Punti nascita in Sicilia. Dopo le proteste la Regione chiede deroghe
SANITA’

Punti nascita in Sicilia. Dopo le proteste la Regione chiede deroghe

di
La chiusura dei reparti con meno di 500 parti l’anno è prevista a dicembre. Da Petralia a Licata la protesta dei sindaci: «Priorità alla salvaguardia della salute»

PALERMO. Senza il reparto di ostetricia a Petralia, raccontano i residenti, per partorire bisognerebbe imboccare la statale 643 e recarsi a Termini o Cefalù. Neve o smottamenti permettendo, dicono, «in condizioni ottimali si impiegherebbe almeno un’ora e mezza». A Licata, invece, nel caso di un’emergenza, il sindaco spiega che le gestanti dovrebbero chiamare un’ambulanza da Canicattì: «Tempo di attesa totale, tre ore». È partendo da questi numeri che sindaci e comitati cittadini di mezza Sicilia sono sul piede di guerra. Le nuove regole del ministero della Salute stabiliscono che gli ospedali che non rispettano certi standard di sicurezza o che hanno meno di 500 parti l’anno debbano chiudere, ma le comunità locali non ci stanno. Nuove speranze arrivano adesso dall’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, che è pronto a riaprire la vertenza: «La competenza esclusiva è del ministero - chiarisce l’ex capogruppo del Pd - ma chiederemo di riaprire il tavolo di trattative sui punti nascita e assicurare altre deroghe».

Il conto alla rovescia è scattato per i reparti degli ospedali di Mussomeli, Bronte, Lipari, Mistretta, Licata, Santo Stefano di Quisquina e per l’ospedale Madonna dell’Alto di Petralia. La chiusura era fissata per la fine dell’anno ma una circolare dell’assessorato ha già invitato i manager a smobilitare i reparti che non garantiscono gli standard minimi di sicurezza e a concludere l’operazione entro settembre.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X