Mercoledì, 26 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Teatri ed enti culturali siciliani, ecco nel dettaglio tutti i tagli previsti nella Finanziaria
LA MANOVRA

Teatri ed enti culturali siciliani, ecco nel dettaglio tutti i tagli previsti nella Finanziaria

di
La Fondazione Teatro Massimo di Palermo perde 962 mila. Il Biondo scende dai 3 milioni e 8 mila euro dell’anno scorso ai due milioni e 647 mila euro

PALERMO. Il taglio per i teatri siciliani sarà di 6 milioni e 784 mila euro. Anche se una parte dei contributi recuperati, 5 milioni, sarà messa a bando dalla Regione. Ma per concorrere bisognerà aver prima tagliato tutti i contratti integrativi interni e aver registrato incassi non inferiori ai finanziamenti ottenuti negli anni scorsi.
Eccola la rivoluzione per il mondo dello spettacolo, messa nera su bianco in un articolo della Finanziaria appena depositata e nell’unica tabella che indica finanziamenti. Qualche esempio, lo Stabile di Catania scenderà da un milione e 870 mila euro ricevuti nel 2014 a un milione e 646 mila euro. Il Bellini passa da 14 milioni e 708 mila euro a 13 milioni e 90 mila. La Fondazione Teatro Massimo di Palermo perde 962 mila e passa dagli 8 milioni e 14 mila euro ricevuti l’anno scorso ai 7 milioni e 52 mila euro previsti in questa Finanziaria. Il Brass Group scende da 300 mila a 264 mila euro. Il Biondo scende dai 3 milioni e 8 mila euro dell’anno scorso ai due milioni e 647 mila euro previsti adesso.
TaoArte perde 84 mila euro, e 82 mila in meno anche all’Inda di Siracusa. Le Orestiadi di Gibellina avranno 43 mila euro in meno. I soldi recuperati vanno a creare il Fondo Unico regionale per lo spettacolo «al quale potranno accedere tutti gli enti e gli organismi, sia pubblici che privati, del mondo dello spettacolo». A patto però che «abbiano sede legale in Sicilia da almeno tre anni». Le percentuali di ripartizione fra i settori lirico-sinfonico, prosa, musica e danza verranno determinati con delibera della giunta.
Ma è già deciso che per accedere al Fondo gli enti dovranno prima tagliare tutti i costosi contratti integrativi aziendali e dovranno dimostrare che i loro incassi sono almeno in linea con «l’ammontare dei contributi pubblici a qualunque titolo ricevuti».
Infine «il rapporto tra personale amministrativo e personale totale non deve essere superiore al 40% nel 2015, al 35% nel 2016 e al 30% dal 2017 in poi». L'obiettivo del governo, anche per il mondo dello spettacolo, è «il taglio strutturale dei costi del personale».
La Finanziaria indica infine altri tagli per un milione e 790 mila euro che non verranno recuperati in alcun modo. Azzerati i capitoli un tempo destinati ai contributi ai teatri privati (1,1 milioni), all associazioni concertistiche (495 mila euro), alle associazioni bandistiche (45 mila euro), ai teatri a gestione cooperativa (71 mila euro), all’Opera dei Pupi (36 mila euro) e quelli destinati alla stipula di convenzioni con organismi di distribuzione nazionale (38 mila euro).
A tutte queste realtà verrà destinata una quota «non inferiore al 60%» del Fondo unico regionale per lo spettacolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X