Domenica, 18 Novembre 2018
QUIRINALE

Napolitano conferma: "La fine del mio mandato è imminente"

Durante i saluti di Natale il presidente della Repubblica ha ribadito che presto lascerà il Colle. Renzi: "L'Italia non avrà alcun problema con l'elezione del suo successore"

ROMA. Conferma di essere sul punto di lasciare il proprio mandato e torna a 'blindare' l'esecutivo Renzi. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nei saluti natalizi al Corpo diplomatico, fa un intervento a trecentosessanta gradi e torna a sottolineare il "coraggioso sforzo" che sta compiendo il governo.

"La prossima fine di quest'anno 2014 - dice in apertura - e l'imminente conclusione del mio mandato presidenziale inevitabilmente ci portano a svolgere alcune considerazioni sul periodo complesso e travagliato che stanno attraversando l'Italia, l'Europa e il mondo".

L'Italia - commenta il premier Matteo Renzi - non avrà alcun problema per l'elezione del prossimo presidente della Repubblica: "Credo che il Parlamento abbia imparato la lezione dell'aprile 2013 e riuscirà a fare quello che deve nei tempi stabiliti".

Lo sforzo del governo - Quella portata avanti dal premier Matteo Renzi - sottolinea Napolitano - è "un'opera difficile e non priva di incognite". Ma soprattutto non c'erano "alternative per chi, come noi, crede nelle potenzialità di questo Paese". "L'opera portata avanti dal presidente Renzi  e dal Governo" rappresenta "un coraggioso sforzo per eliminare alcuni nodi e correggere mali antichi che hanno frenato lo sviluppo del Paese e sbilanciato la struttura della società italiana e del suo sistema politico".

Ambiziosi obiettivi Ue - "E' innegabile che la Commissione guidata dal presidente Juncker abbia un profilo più nettamente sovranazionale e si ponga obiettivi ambiziosi per rispondere alle sfide comuni in una chiave certamente più 'politica' di quelle che l'hanno preceduta".

Immigrazione vera emergenza - "Nel corso del semestre di presidenza italiana siamo riusciti a far comprendere che gli epocali fenomeni migratori connessi con i tragici eventi in Medio Oriente e in Africa costituiscono una vera emergenza europea e che come tale vanno affrontati".

Svolta storica Cuba-Usa - Le aperture tra Stati Uniti e Cuba si possono definire "una svolta storica", dovuta anche "alla illuminata mediazione della Santa Sede". Il capo dello Stato ha infatti ricordato "le drammatiche tensioni che in quell'area opposero le due superpotenze che si confrontavano in un mondo rigidamente diviso in blocchi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X