Sabato, 22 Settembre 2018
DOPO LO SCIOPERO

Formazione professionale, domani l'incontro con l'assessore Bruno

Stamattina i sindacati avevano occupato l'assessorato alla Famiglia e alle politiche sociali
assessore al lavoro, formazione professionale, lavoratori, sindacati, Bruno Caruso, Sicilia, Cronaca
Sebastiano Bruno Caruso - LAVORO. Classe 1954, avvocato cassazionista dal 1996, è ordinario della cattedra di Diritto del Lavoro all’Università di Catania ed è docente dal 1988 alla Scuola Superiore Pubblica Amministrazione di Roma. Un professionista dal curriculum prestigioso: è infatti presidente del Centro Studi di Diritto del Lavoro Europeo dedicato allamemoria “Massimo D’Antona”, membro del Comitato di indirizzo scientifico dell’Anci ed autore di numerose pubblicazioni

PALERMO. Si è conclusa con un'assemblea dei lavoratori e dei sindacati alla presenza dell'assessore regionale alla Formazione Mariella Lo Bello e con una convocazione per domani alle 9 da parte dell'assessore regionale al lavoro Bruno Caruso, la giornata di mobilitazione dei lavoratori della formazione professionale per chiedere soluzioni alla loro vertenza.

Lo dice una nota della Cgil. «Verbalmente - dicono Monica Genovese, della segreteria regionale Cgil e Giusto Scozzaro, segretario generale della Flc Sicilia- il governo si impegna sulle soluzioni, in pratica non si segna un passo in avanti. È chiaro che questa deve diventare una vertenza nazionale - aggiungono- per mettere in campo tutti gli ammortizzatori sociali possibili per fare fronte. Ma è anche chiaro che la Regione deve spingere sull'acceleratore ad esempio del Piano giovani e dell'utilizzo del personale nei servizi per l'impiego. Fatto è che la situazione è diventata insostenibile».

Stamattina i sindacati  hanno occupato l'assessorato regionale alla Famiglia di via Trinacria a Palermo. La decisione è arrivata al termine di una mattina di proteste.

Cgil, Cisl e Uil hanno prima portato in strada oltre un centinaio di lavoratori esasperato dalla mancanza di stipendio e dalla minaccia che il nuovo piano regionale possa provocare licenziamenti.
I rappresentanti di categoria sono poi andati in assessorato dove speravano di aver un incontro con l'assessore al Lavoro e alla Famiglia, Bruno Caruso. Con il quale speravano di poter avviare la trattativa per garantire la cassa integrazione a quanto in questa fase hanno perso il lavoro.

"Ma Caruso - riferisce la Uil - non era in sede e non è stato possibile incontrare nessun altro dirigente. A quel punto è stata presa la decisione di occupare l'assessorato".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X