IL PROVVEDIMENTO

Mancano 100 impiegati alla Formazione, a rischio stipendi dei lavoratori e Piano giovani

di

Il dirigente generale, Gianni Silvia, ha chiesto l’intervento del governo per un problema che rischia di rallentare e mandare in tilt pagamenti e autorizzazioni nel complesso mondo della formazione professionale siciliana

formazione professionale, LAVORO, Piano giovani, regione sicilia, Gianni Silvia, Luciana Giammanco, Sicilia, Politica

PALERMO. Una carenza di personale, con quasi cento dipendenti in meno, che compromette il buon andamento degli uffici: il dirigente generale della Formazione, Gianni Silvia, ha chiesto l’intervento del governo per un problema che rischia di rallentare e mandare in tilt pagamenti e autorizzazioni nel complesso mondo della formazione professionale siciliana. A rischio c’è anche la spesa dei fondi europei, quelli attuali e quelli della prossima programmazione, ma anche l’attuazione del Piano giovani, la tenuta del’albo che coinvolge ottomila lavoratori della formazione e le rendicontazioni che riguardano i pagamenti a centinaia di enti.

Secondo Silvia, dopo le rotazioni del personale avviate dal governo a fronte degli scandali e delle inchieste, il dipartimento è rimasto sguarnito e sono venute meno “94 unità di personale trasferite ad altro ramo senza che al contempo si sia provveduto a reintegrare la struttura delle qualifiche venute meno”.

Gli atti di interpello per reclutare il personale sono andati a vuoto e adesso toccherà al governo e alla dirigente generale del Personale, Luciana Giammanco, trovare una soluzione per uno dei dipartimenti più delicati di tutta l’amministrazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati