Regione, nomina sbloccata: da lunedì Ingroia alla guida di Sicilia e Servizi

PALERMO. Da lunedì Antonio Ingroia potrà  legittimamente insediarsi alla guida di Sicilia e Servizi. Si avvia alla  chiusura quindi il braccio di ferro fra i vecchi amministratori e il governo  regionale. La nomina di Ingroia è collegata alla decisione del governo di liquidare la  società. L'ex magistrato sarà appunto il liquidatore, e dovrà anche mettere  ordine in una delle società più discusse per investimenti e gestione dei  finanziamenti. Ma il consiglio di amministrazione in carica ha tentato di bloccare  l'operazione. Al punto che la delibera del Cda era stata fermata dal rifiuto  del notaio di registrarla. Il governo si era opposto e aveva chiesto  all'Avvocatura dello Stato un parere sull'iter da seguire. Parere che è  arrivato ieri: è corretta la scelta di liquidare la società così come la nomina  di Ingroia. I vecchi amministratori hanno però fatto un ricorso anche al  tribunale delle imprese sostenendo che la Regione deve fare una legge all'Ars  per confermare il proprio piano.  Ma a Crocetta per ora basta il parere dell'Avvocatura dello Stato e l'ex pm da  lunedì sarà in via Thaon de Ravel a Palermo per prendere le redini di Sicilia e  Servizi. Per prima cosa dovrà gestire la difficile fase di trasferimento di  competenze e dotazioni informatiche dal socio privato di Sicilia e Servizi alla  Regione: in ballo c'è il funzionamento di tutti i sistemi telematici della  Regione. "Invito gli amministratori a desistere da un assurdo atteggiamento di  sfida - ha detto a caldo Ingroia - per aprire un confronto sulle cose da fare".  Un invito rivolto anche al socio privato che nel frattempo, in vista della  scadenza del contratto prevista a fine dicembre ha annunciato il licenziamento  dei suoi 70 dipendenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati