Mercoledì, 28 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Video Sport Sedici anni e l'amore per il motocross, Karola e Valentina vincono il Trofeo delle Regioni

Sedici anni e l'amore per il motocross, Karola e Valentina vincono il Trofeo delle Regioni

Sedici anni e l'amore per il motocross. Con un recupero all'ultima prova, Karola e Valentina La Mantia conquistano il podio al Trofeo delle Regioni di minienduro nel giorno del loro compleanno, riportando la coppa in Sicilia per il secondo anno consecutivo.

La partenza sotto tono, le cadute in curva – la stessa per entrambe - in una delle prove speciali. Poi lo scatto decisivo per conquistare la vittoria. “Eravamo indietro di quaranta secondi – spiega Valentina - Lì ci siamo dette: 'Ormai siamo qui giochiamocela fino all'ultimo'. Siamo riuscite a bissare i secondi che avevamo perso e abbiamo riportato la coppa a casa”.

Nata nel giorno del loro undicesimo compleanno - quando, spinte dalla curiosità per la passione del fratello,Karola e Valentina chiedono a papà e mamma un regalo fuori dal comune: due Husquam 85 – quella per il motocross è una passione che le accompagna ormai da cinque anni. I tracciati in pieno inverno con le piogge, le prime cadute, gli infortuni alla clavicola, alla spalla, i malleoli rotti, un alluce che salta, ma la testa dura di chi non molla. “O la va o la spacca. Noi però oggi spacchiamo tutto”. Amano dirsi prima di ogni gara. A seguirle il motoclub Tritone di Monreale dei fratelli Violetti.

“Cinque anni fa siamo partite proprio da zero – spiega Valentina - Non sapevamo dov'era il freno, qual era la frizione. Nostro padre ci ha insegnato piano piano a usare le marce. All'inizio giravamo in un piccolo appezzamento di terreno, poi abbiamo iniziato a partecipare alle gare e abbiamo fatto un salto di qualità”. Adesso il 16 ottobre le aspetta un altro trofeo nazionale. Papà Antonio sta in pensiero ma ne va fiero: “All'inizio i salti che facevano erano piccoli e io le guardavo entusiasta – racconta – adesso, che chiudono anche tripli salti di 40 metri, mi giro dall'altro lato. Ma sono veramente orgoglioso dei loro risultati, di come si impegnano e prendono tutto sul serio”.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X