Giovedì, 13 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Video Sport Juventus-Spal, Allegri striglia i bianconeri: "Troppi alti e bassi"

Juventus-Spal, Allegri striglia i bianconeri: "Troppi alti e bassi"

TORINO. Tre punti contro la Spal che permettono di tenere il passo del Napoli, ma la prestazione preoccupa Max Allegri.

«Con una prova del genere sabato a San Siro usciremo con le ossa rotte», attacca senza mezzi termini il tecnico della Juventus, che punta il dito sulla solidità mentale, cruccio bianconero in questo inizio di stagione:

«Dopo il 2-0 ci siamo fatti male, siamo usciti dalla partita rischiando sul gol della Spal, fortunatamente annullato per fuorigioco».

Ne ha per tutti il tecnico, da Bentancur, «giovane che però deve sveltire la manovra ed essere più sereno», alla supponenza della Juventus:

«Siamo usciti dalla partita dopo il 2-0, abbiamo commesso tre errori e rischiato di riaprire la partita. Sono molto arrabbiato e preoccupato per una regolarità che ci deve essere e che non c'è ancora: siamo in altalena, troppi alti e bassi. Per vincere è questione di testa, sbagliamo troppo tecnicamente: ci intestardiamo,
facciamo cose che ci fanno uscire dalla partita. E non subire gol è una cosa che ci deve prendere dentro».

Rabbia sfogata anche durante il match, gettando via la giacca, sul gol del pareggio annullato allo Spal, come due campionati fa mesi fa, quando sul campo del Carpi la Juventus rischiò il pari nel finale:

«Spero sia l’ultima volta, comincio ad avere una certa età, i ragazzi devono fare i bravi».

Tanto bastone ma anche un po' di carota:

«Bernardeschi ha giocato una buona partita, segnando un gol importante, sono contento, Higuain ha fatto una grande prestazione, gli mancava il gol e l'ha trovato».

Minuti di gloria per Semplici, che ha messo sotto scacco la Juventus sfiorando anche il pareggio. «La squadra non ha avuto un buon approccio e questo non deve succedere - spiega l'allenatore della Spal -. Loro sono stati bravi ad approfittarne segnando con Bernardeschi e Dybala». La svolta al match è arrivata con il passaggio al 4-4-2, «che ha dato punti di riferimento e adattato la squadra a questa partita». Con il gol del 2-1 «abbiamo messo in difficoltà la Juventus, giocando una bella mezz'ora e andando vicini al pareggio, annullato».

«Credo che questa partita abbia dimostrato che siamo in salute - ha aggiunto -, però giochiamo bene ma portiamo a casa pochi punti. Da domenica voglio vedere qualcosa di diverso per invertire la rotta».

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X