Domenica, 01 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Video Politica Nuove povertà in Sicilia, Micciché: "Temo che in autunno avremo forti tensioni sociali"

Nuove povertà in Sicilia, Micciché: "Temo che in autunno avremo forti tensioni sociali"

C'è un'emergenza che sta crescendo nel periodo pandemico. "Sono le nuove povertà", ha detto durante la cerimonia del ventaglio il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché.

"C'è da essere preoccupati e temo che in autunno avremo forti tensioni sociali", ha aggiunto. Il dato emerge dal confronto con le maggiori associazioni di volontariato che hanno decuplicato gli interventi di sostegno per persone che si trovano in difficoltà. "A volte cambia la condizione di persone che vengono a cercare aiuto mentre fino a ieri erano proprio loro a darlo".

In queste condizioni, secondo Micciché, vanno date risposte positive e non si può sempre dire di no. E' un problema che proprio la burocrazia vada "alla ricerca del pelo nell'uovo" per fermare alcune iniziative. Micciché ha citato il caso di una società che non riesce a ottenere la concessione per un progetto che prevedeva 200 nuovi posti di lavoro.

Il presidente dell'Ars ha parlato anche della azione dell'Assemblea: diminuisce, infatti, il tasso di impugnazione delle leggi votate. Le leggi votate dal parlamento siciliano sono state quest'anno 28 di cui 19 di iniziativa governativa e 9 di iniziativa parlamentare. Solo il 6,4 per cento degli articoli votati è stato impugnato mentre l'anno scorso il tasso di impugnazione era stato delll'8,3. "E' necessario - ha detto Micciché - che arrivino in aula disegni e proposte di legge che abbiano superato il controllo sulla loro correttezza tecnica e giuridica. In aula si dovrebbero discutere solo problemi di natura politica".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X