Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Video Multimedia Fedez picchiato da un vicino finisce in ospedale: "Sto bene, mi dispiace per i detrattori. Sarà per la prossima volta" - Video

Fedez picchiato da un vicino finisce in ospedale: "Sto bene, mi dispiace per i detrattori. Sarà per la prossima volta" - Video

Dicono che sarei tra l'ospedale e l'obitorio, mi spiace per chi gioiva. L'esagerazione fa sempre notizia 󾌱

Pubblicato da Fedez su Sabato 12 marzo 2016

In un video su Facebook, il rapper Fedez tranquillizza i fan: "L'esagerazione fa più notizia della verità: sto bene, non sono fra l'ospedale e l'obitorio senza mandibola".

Il musicista ieri mattina è in effetti stato trasportato in ospedale, a Milano, dopo aver litigato col vicino di casa a causa della musica ad alto volume che proveniva dal suo appartamento. Fedez ha riportato una prognosi di 15 giorni per un trauma alla mandibola, mentre il vicino 10 giorni per un trauma facciale.

"Volevo rassicurare i fans - dice Fedez nel video - sto benissimo. E a tutti i detrattori che gioivano di questa aggressione sarà per la prossima volta. Mi ha appena chiamato mia nonna - spiega per dirmi che al telegiornale poco prima di dare una notizia sul Papa avrebbero asserito che io sarei tra l'ospedale e l'obitorio senza mandibola dopo una festa incredibile. Io sono veramente lusingato delle attenzioni dei media italiani, ma ovviamente l'esagerazione fa sempre molta più notizia".

I FATTI
Secondo quanto appreso, attorno alle 6 di questa mattina, il vicino di 41 anni ha suonato alla porta di Fedez per lamentarsi del volume della festa e in breve la discussione si è trasformata in lite. Ancora da chiarire, però, chi abbia dato il primo colpo.

Al momento della lite, attorno alle 6, nell'appartamento di Fedez ci sarebbe stata una decina di persone. E' possibile che entrambe le parti decidano di sporgere denuncia ma al momento non risultano atti ufficiali. Fedez è stato trasportato all'ospedale San Paolo per medicare il trauma alla mandibola, il vicino di casa al San Carlo. Le condizioni dei due non sono gravi e sono stati dimessi.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X