Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Turismo esperenziale, 200 imprese siciliane alla fiera di Rimini

Turismo esperenziale, 200 imprese siciliane alla fiera di Rimini

Il segreto per rilanciare il turismo in Sicilia? Puntare su quello esperenziale, quello che racconta un'Isola attraverso le relazioni umane, le emozioni, i colori e gli odori. Secondo la Confederazione Nazionale degli Artigiani e della Piccola e Media Impresa, in un momento storico segnato dalla pandemia, dalla guerra e dai forti rincari che erodono il potere d’acquisto delle famiglie è questa la strada da seguire e promuoverà questo modo di intendere il turismo al Ttg di Rimini.

Sette le province siciliane che con la Cna raggiungeranno la “vetrina” dei servizi turistici, in programma dal 12 al 14 ottobre prossimi. Alla ribalta dell’evento, ritenuto punto di riferimento per la promozione del turismo mondiale in Italia, le aree di Palermo, Agrigento, Catania, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani.

La presentazione, in anteprima, dei pacchetti, ben 27 (tutti differenti), è avvenuta questa mattina nel capoluogo siciliano, presso l’aula Terrasi della Camera di Commercio.  Ad illustrarli i referenti dei territori della Cna con il contributo professionale dei tour operator. Oltre ai territori e alle loro bellezze, sono protagoniste più di 200 imprese isolane che offrono i propri servizi in filiera attraverso un catalogo.

La Sicilia consentirà di scoprire esperienze diverse: dal contadino per un giorno, alla realizzazione di un gioiello presso aziende di eccellenza, alle camminate con gli asinelli, alle visite ai laboratori, ai frantoi, ai musei, ai monasteri. Un viaggio che consentirà di entrare in contatto con le eccellenze artigianali, antichi mestieri e tradizioni.

E si potrà gustare i prodotti tipici, dal cioccolato doc di Modica, al pistacchio dop di Bronte e di Raffadali. Si tratta di esperienze che si possono realizzare alla presenza di noti maestri artigiani. I pacchetti, che sono comprensivi di ricettività, ristorazione, trasferimenti e guide e, in alcuni casi, coinvolgono consorzi territoriali di filiera costituitisi a seguito dell’attività di Cna, sono pensati in modo da favorire l'integrazione fra i territori. Infatti spesso la richiesta è quella di visitare la Sicilia e questa soluzione dà al buyer la possibilità di disegnare il percorso su richiesta.

Nel video di Marco Gullà le interviste a Piero Giglione, segretario Cna Sicilia, e a Cristiano Tomei, del coordinamento nazionale Cna.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X