Domenica, 19 Maggio 2019

La Banca d'Italia: nel 30% delle famiglie siciliane non lavora nessuno

In un quinto delle famiglie siciliane non lavora nessuno. Nell'Isola le cosiddette Jobless Households (i nuclei familiari nei quali nessun componente ha un'occupazione) nel 2017 sono 421 mila: rappresentano il 29,8% e sono il doppio rispetto al resto d'Italia. E' quanto emerge dal report della Banca d'Italia sull'economia in Sicilia nel 2018, presentato oggi.

Complice la crisi economica, l'analisi evidenzia come tra il 2009 e 2017, si sia registrato un aumento del 6,3% (1,3% in Italia) di famiglie senza reddito da lavoro, anche se il divario registra un'impennata nel biennio 2012-2013. "Questi individui - sottolinea Bankitalia - che derivano il proprio sostentamento da redditi diversi dal lavoro, risultano particolarmente esposti al rischio di esclusione sociale".

Timidi segnali di ripresa nel 2017 in Sicilia. Ma non tutti i dati sono negativi. Si avvertono infatti timidi segnali di rispesa in Sicilia, dove nel 2017 gli indicatori economici registrano un aumento.

Crescono anche i consumi delle famiglie, migliora la qualità del credito e il fatturato delle imprese, vola l'export (+30%), aumentano l'occupazione (+1,1%), ma a tempo, mentre i disoccupati sono oltre il 20%, il doppio della media nazionale.

Stando ancora al rapporto di Bankitalia, il 2017 narra di un aumento del numero di imprese attive (0,8%, (sono 368 mila 428), con una crescita nell'industria (+0,2%) e in agricoltura (+0,9%). Resta in affanno l'edilizia, dove in modo più marcato che in altri settori, oltre alle aziende (-0,1%) diminuiscono pure le ore lavorate (-11,3%).

Se più in generale, l'indagine di Bankitalia sulle imprese indica un aumento del 2,6% del fatturato (era il 3,1% nel 2016), lo stesso non si può dire per la spesa per gli investimenti, che risultano in calo o stabili per oltre due terzi delle aziende. Segnali positivi, invece, dal turismo, vola l'export in particolare di prodotti made in Sicily nei mercati extra Ue.

Le presenze di stranieri e connazionali sono aumentate del 7% e la spesa dei 'vacanzieri' supera di gran lunga la media nazionale. Ripartono i consumi e aumenta il reddito delle famiglie. Quello pro capite si attesta sulla soglia dei 13 mila euro, quello per consumi a 12 mila.

Eppure nell'Isola un quinto dei nuclei familiari è a rischio emarginazione sociale: le famiglie dove nessun componente lavora sono il 30%. Infine, seppur registrando un cambio di passo, rispetto agli anni della crisi quando tutti indicatori economici erano in caduta libera, l'analisi nel complesso segnala un divario ancora ampio rispetto ai livelli pre-crisi

Calo disoccupati dello 0,6%. Nel 2017 cala di un timido 0,6% il numero di senza lavoro in Sicilia, dove il tasso di disoccupazione si attesta al 21,5% e risulta il doppio della media nazionale (11,2%) e più alto di circa 10 punti percentuali rispetto alla media del Mezzogiorno (12,4%).

Nell'Isola si registra un aumento degli occupati (+1,1%) analogo al resto del Mezzogiorno e del Paese. Bankitalia, dunque, stima una crescita dell'occupazione pari a 15 mila unità. Si tratta di lavoratori impiegati con 'contratti a termine' (20,6%).

Negli anni della crisi in Sicilia sono andati in fumo 160 mila posti di lavoro su 800 mila a livello nazionale; il gap recuperato risulta pari a 50 mila unità. Andando ai settori di attività, infine, restano in affanno le costruzioni, dove il numero di addetti è diminuito dell'8,2%, mentre risultano in crescita i lavoratori nel comparto agricolo (10,4%) e nell'industria in senso stretto (5,7%).

 

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X