Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Scambi culturali e incontri bilaterali tra la Sicilia e la Grecia, firmato un accordo

PALERMO. Scambi culturali e incontri bilaterali tra la Sicilia e la Grecia insieme all'abbattimento delle tariffe aeree sulle tratte che le collegano. È questo il contenuto della bozza di accordo per avviare una collaborazione economica, turistica e culturale tra l'Anci Sicilia e l'omologa associazione dei comuni ellenica denominata Kede (l'Unione centrale dei comuni della Grecia) finalizzata alla definizione di un protocollo di intesa per attivare finanziamenti comunitari.

All'incontro hanno preso parte il presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone, il presidente della Fondazione Federico II, il sindaco di Palermo e presidente dell'Anci Sicilia Leoluca Orlando, il sindaco di Amaroussi e presidente della Kede, l'Unione centrale dei comuni della Grecia, Giorgos Patoulis e il sindaco di Pylou-Nestoros e vicepresidente Kede, Dimitris Kafantaris.

"Questo percorso di collaborazione tra la Sicilia e la Grecia - ha detto Ardizzone - è stato avviato da tempo. Questo incontro sarà sancito da un protocollo di intesa per collaborazioni sul piano culturale, dal momento che ci sono radici comuni, che ci legano. E poi si pone l'obiettivo di unire chiedere alle istituzioni ciascuno per la sua parte un abbattimento delle tariffe per nuove tratte aeree per voli diretti".

"L'obiettivo è incentivare gli scambi tra i due Paesi vorremo che ci fosse una continuità, pensare il collegamento in chiave turistica è effimero, vogliamo che ci sia una presenza costante non solo dal punto di vista turistico - ha aggiunto Orlando - Abbiamo definito una bozza di protocollo tra Anci greca e Anci Sicilia per scambi culturali, incontri bilaterali". Il presidente della Kede, l'Unione centrale dei comuni della Grecia, Giorgos Patoulis ha sottolineato, invece: "c'è la volontà che questi accordi possono diventare realtà".

"In un'Europa - ha aggiunto - che è in crisi e con i nostri paesi in crisi, le amministrazioni locali devono unirsi. Ci sono i presupposti perché questo diventi realtà rafforzando i nostri scambi".

immagini di Marco Gullà

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X