Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Economia siciliana in debole ripresa, scarso impatto su occupazione

Economia siciliana in debole ripresa, scarso impatto su occupazione

PALERMO. La ripresa dell’economia siciliana è ancora debole anche se iniziano a vedersi i primi timidi segnali positivi sul fronte del lavoro: il tasso di disoccupazione, infatti, torna a scendere dopo molto tempo e per il 2016 le stime prevedono una flessione al 20,7%. Nel 2014 il Prodotto lordo regionale ha registrato un ulteriore rallentamento (-0,9%), portando verso il 13% la flessione complessiva del reddito e della ricchezza rispetto al biennio 2006-2007. Il calo dovrebbe essersi arrestato nel 2015 e la crescita dovrebbe poi rafforzarsi nel 2016 (+1,4%). Pur trattandosi di percentuali superiori al ritmo di crescita nazionale, le stime appaiono giustificate dal modestissimo livello di partenza, caratterizzato da condizioni molto più negative che nel resto del Paese.

È quanto emerge dal rapporto CongiunturaRes n.1/2016 , l’analisi semestrale elaborata dalla Fondazione RES che è stata presentata oggi nell’aula magna del Dipartimento di Economia dell’Università di Palermo.

«Il principale sostegno alla crescita nel 2015 – afferma Adam Asmundo, responsabile dell’Osservatorio congiunturale della Fondazione RES – è stato offerto dalla domanda delle famiglie, mentre nel 2016 dovrebbe prendere maggiore consistenza una ripresa degli investimenti produttivi legata al lento processo di espansione della nuova base produttiva».

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X