Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura All'attore Roberto Lipari il Premio Falcone Borsellino, gli altri riconoscimenti

All'attore Roberto Lipari il Premio Falcone Borsellino, gli altri riconoscimenti

Si è svolta oggi a Pescara la XXV edizione del Premio Giovanni Falcone Paolo Borsellino, la più importante e seguita manifestazione nazionale sui temi della educazione e cultura della legalità.

Tra i premiati nella sezione cultura c’è Roberto Lipari, il giovane attore che ha ricevuto il premio per la sua nota vocale, inviata simbolicamente alla mafia, il 23 maggio 2020, in occasione dell’anniversario della strage di Capaci. A consegnare il prestigioso riconoscimento il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Il Premio vuole testimoniare ammirazione e gratitudine a tutte quelle personalità che hanno offerto un’azione di impegno, di coerenza e di coraggio, contro l’ingiustizia e in particolar a quanti hanno dato il loro impegno per la difesa e per la promozione dei valori della libertà, della democrazia e della legalità.

“I nomi di Giovanni e Paolo conferiscono a questo premio un peso tale che mi sento onorato, ma anche inadeguato – dice emozionato Roberto Lipari -. Perché premiare un comico per la lotta alla mafia? Probabilmente perché la lotta alla mafia e la comicità hanno in comune un concetto alla base: Il ribaltamento. Nella comicità si cerca di ribaltare la tragedia per trasformarla in un’opportunità per suscitare una risata. Nella lotta alla mafia si cerca di ribaltare la tragedia per trasformarla in un’occasione per smuovere le coscienze. Mi auguro che un giorno il cancro della mafia possa essere ribaltato del tutto, nel frattempo cercherò di essere sempre all’altezza del premio che ho ricevuto”.

Consegnati riconoscimenti anche al parroco di Caivano, don Maurizio Patriciello, al vescovo della diocesi di Locri-Gerace, Francesco Oliva, al prefetto di Foggia Raffaele Grassi, al procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gaetano Paci, al procuratore distrettuale di Catania Carmelo Zuccaro e al comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi.

Per la scuola premiata Rosa de Fabritiis, delegata “Progetto Legalità” dell’Istituto alberghiero e turistico “Filippo De Cecco” di Pescara.

Per il sociale riconoscimento a Antonio La Scala, avvocato penalista e presidente della associazione “Gens Nova”, all’ispettore della Guardia di Finanza- Associazione “Ultimi” Marco Grassi, a Pinuccio Fazio, papà di Michele, vittima di mafia, e fondatore dell’Associazione culturale “Michele Fazio”.

Per il giornalismo premio al presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo Stefano Pallotta, all’editorialista del Corriere della Sera Giovanni Bianconi e alla giornalista inviata speciale del Tg1 Mariagrazia Mazzola.

Per la cultura oltre al riconoscimento per Roberto Lipari, attore comico siciliano e conduttore del programma di Mediaset “Striscia la Notizia”, premiato anche  Giovanni Parapini , direttore della Direzione Rai per il sociale.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X