Lunedì, 19 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Dpcm, la conferenza di Conte: "Coprifuoco nelle piazze deciso dai sindaci, turni flessibili a scuola"

Dpcm, la conferenza di Conte: "Coprifuoco nelle piazze deciso dai sindaci, turni flessibili a scuola"

La conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in diretta sulle nuove misure contro il contagio di coronavirus, con la presentazione del nuovo Dpcm.

"Il provvedimento dovrà consentirci di affrontare la nuova ondata. Non possiamo perdere tempo. Dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown. I sindaci potranno chiudere le piazze dove ci potrebbe essere assembramento. No però ad una nuova battuta d’arresto. Al massimo sei persone al tavolo e tutti i ristoratori dovranno affiggere un cartello. Incrementeremo con un provvedimento del ministro Dadone lo smart working. Daremo una settimana di tempo alle palestre per allinearsi ai protocolli di sicurezza. "Dobbiamo tutelare la salute e l’economia" ma "le misure più efficaci rimangono le misure di precauzione. La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente. Il governo c'è ma ciascuno deve fare la sua parte. Le misure più efficaci restano le precauzioni di base: mascherina, distanziamento e igiene delle mani. Facciamo attenzione nelle situazioni in cui abbassiamo la guardia, con parenti ed amici. In queste situazioni occorre massima precauzione. Siamo consapevoli che ci sono ancora diverse criticità: facciamo 600mila tamponi al giorno ma certo non possiamo tollerare le file di ore. Il Mes? Io ho detto senza pregiudizi ideologici che se avremmo avuto bisogno per un fabbisogno di cassa c'è anche il Mes; ma se questo non accade prendere il Mes per risolvere un dibattito pubblico non serve. Con questo Dpcm dobbiamo predisporci per elargire ristori per chi soffrirà per queste misure. Ci sono quattro miliardi - continua Conte -. Alcune somme devono essere disponibili entro fine anno. Non possiamo permetterci di affrontare una elargizione a pioggia. Ora la strategia è cambiata. Ci sono dei segnali di ripresa economica che ci fanno piacere, parlo del terzo trimestre. Dobbiamo continuare a correre, ma ristorare con criteri selettivi per chi ha davvero bisogno. Dobbiamo usare le risorse con avvedutezza. Non faccio previsioni sulle ferie natalizie. Io dico che occorre rispettare tutte le regole. Affrontiamo questo momento con fiducia e auguriamoci che potremmo riprendere quanto prima le attività di svago".

"Ho appena finito di leggere la bozza del nuovo DPCM, che raccoglie alcune delle proposte delle Regioni. Il presidente Conte intende avviare con noi anche un confronto sul tema degli aiuti economici: lo ritengo indispensabile - ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci - Ma il grosso la Sicilia continua a farlo sul fronte sanitario. La nostra scelta di puntare sui tamponi rapidi, tra i primi in Italia, ha fatto aumentare in modo significativo la nostra capacità di diagnosi. Serve fare ancora di più. E per questo ringrazio i quasi 5mila professionisti che hanno già risposto all’avviso pubblico per il personale. Domani alle 18 - in diretta sulla mia pagina - vi aggiornerò su tutte le misure che adotteremo sul piano sanitario e su quello della organizzazione delle attività economiche e sociali".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X