Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Le intercettazioni choc di Nicosia: "La morte di Falcone incidente sul lavoro"

Intercettazioni choc quelle di Antonello Nicosia, 48enne originario di Sciacca, arrestato insieme ad altre 4 persone nell'ambito di un'operazione antimafia.

L'uomo, mentre si trovava in auto con un esponente nazionale dei Radicali, Alessio Di Carlo, transitando nei pressi del “Falcone e Borsellino di Punta Raisi”, sosteneva che: “All'aeroporto bisogna cambiare il nome”. Di Carlo non era d'accordo e chiedeva spiegazioni: “Non va bene Falcone e Borsellino? Dici perché evocano la mafia...”.

Ma la risposta di Nicosia non era la stessa: “Perché dobbiamo spiegare chi sono scusami, perché dobbiamo sempre mescolare la stessa merda” e non si doveva neppure ricordare il magistrato vittima di un “incidente sul lavoro”: “Ma poi quello là non era manco magistrato quando è stato ammazzato Falcone. Aveva già un incarico politico”.

Nicosia si chiedeva perchè scegliere due magistrati e non Luigi Pirandello o Leonardo Sciascia.

In un'altra intercettazione spiegava come poter entrare in carcere senza essere "disturbato" dagli agenti penitenziari.

© Riproduzione riservata

TAG:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X