Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Cluster Bio, Cartabellotta: no a tentativi di delegittimazione

Cluster Bio, Cartabellotta: no a tentativi di delegittimazione

PALERMO. "Non ci sto a sopportare tentativi di delegittimazione, denigrazione e forse diffamazione. Non ho parlato prima perche' la partita era troppo importante. Ma tutti i miei atti da maggio sono stati assunti sotto la vigilanza di una commissione ispettiva nominata dal governatore".

Replica così Dario Cartabellotta, responsabile unico del Cluster Biomediterraneo di Expo, commentando la decisione, contenuta in un decreto emanato dall'assessore regionale all'Agricoltura Rosaria Barresi, di nominare un commissario ad acta per la gestione del Cluster a pochi giorni dalla chiusura dell'esposizione universale di Milano. Cartabellotta ha quindi ricordato che "la Sicilia ha anche sottoscritto il protocollo di legalità dell'Autorità nazionale anticorruzione".

"Il 30 settembre ho ricevuto una richiesta di ulteriori documenti e già il 5 ottobre era stata presa la decisione del commissariamento ad acta". Cosi' il responsabile del Cluster Biomediterraneo di Expo Dario Cartabellotta in conferenza stampa a Palermo, parlando del decreto di commissariamento emanato ieri dalla Regione di commissariare il Cluster gestito dalla Regione siciliana a pochi giorni dalla chiusura dell'esposizione universale di Milano. "Dalla stampa apprendo notizie non vere - ha aggiunto - come quella di un pignoramento che risale a quest'estate e che invece riguardava il Dipartimento Acqua e Rifiuti e che aveva colpito tutti i conti della Regione siciliana, tra cui il conto del Cluster Biomediterraneo. La situazione e' poi rientrata subito".

Passando al setaccio la documentazione riguardante la contabilita' del Cluster, Cartabellotta ha spiegato: "Mi hanno contestato di non aver trasferito con tempestivita' le somme del conto del Cluster aperto presso Intesa Sanpaolo alla Regione ma non e' cosi'. Tutti i movimenti della contabilita' dedicata sono stati trasferiti. Abbiamo fatto 4 decreti a cadenza mensile anche perche' non si possono fare decreti ogni giorno: nel conto della Regione sono stati versati 1 milione e 200mila". Parlando degli incarichi affidati per la gestione del Cluster, Caltabellotta ha detto: "ci sono stati alcuni incarichi di prestazione di servizi da parte di alcuni professionisti e l'unica selezione di personale e' quella che ha fatto Main Power che e' partner official di Expo 2015, a tariffe basse. Abbiamo gestito con poco e con grandi risultati". A chi gli ha chiesto come valuta l'adozione del provvedimento nel giorno in cui il governatore della Sicilia Rosario Crocetta ha azzerato la giunta per formare un nuovo esecutivo Caltabellotta ha risposto: "Sono stato oggetto di una commissione ispettiva gia' a maggio, adesso si aggiunge un commissario nominato dalla Barresi". "Credo - ha concluso - che in termini di trasparenza e legalita' questo Cluster ha vissuto sempre accanto alle regole e quindi anche in questo caso faremo il lavoro insieme al commissario".

"Io in giunta? Lo escludo categoricamente mai accettare ruoli politici quando si e' tecnici. Ho fatto l'assessore per 500 giorni. Qualsiasi esperienza da assessore oggi, la consiglierei ai deputati non ai tecnici, perche' un deputato e' depositario della volonta' del popolo, un tecnico no", ha concluso

immagini di Salvatore Militello

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X