Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto In Ue solo 29% aziende agricole è rosa. Stop violenze

In Ue solo 29% aziende agricole è rosa. Stop violenze

Terra e Gusto
© ANSA

Solo il 29% delle aziende agricole europee è gestito da donne. Un dato che in Italia arriva al 31,5%: il nostro Paese è, secondo gli ultimi dati Eurostat, al quarto posto in Europa, dopo i Paesi Baltici e la Romania. In altre parole, l'Italia ha un posto di primo piano tra le nazioni più sviluppate del continente per quanto riguarda la presenza di imprenditoria femminile. Altri Paesi ad alto reddito come Germania, Danimarca, Paesi Bassi vedono meno del 10% delle aziende agricole gestite al femminile. I dati, tuttavia, nascondono una realtà difficile: l'82% delle donne che lavorano in agricoltura ha più di 50 anni, mentre nella stessa fascia d'età si colloca una percentuale appena minore di uomini, il 78,3%. Inoltre, i dati Istat mostrano che negli ultimi dieci anni si sono perse il 28% delle imprese agricole gestite da una donna e il 31% di quelle condotte da uomini.

Questo il quadro emerso dall'evento 'Agricoltura, sostantivo femminile' organizzato all'area convegnistica museale di Terni, Caos, organizzato dal gruppo Socialists&Democrats del Parlamento europeo.

E da Terni arriva l'appello della commissaria Europea all'Eguaglianza Helena Dalli: "Colmare il gap di genere, specie nelle aree rurali", ha detto in un videomessaggio.

Mentre l'europarlamentare umbra Camilla Laureti ha sottolineato che per "chiudere il gender gap servono canali di accesso privilegiati di accesso al credito".

Intervenuti anche, l'europarlamentare Paolo De Castro, collegato da Bruxelles, la presidente di Slow Food Italia Barbara Nappini, la segretaria Flai-Cgil nazionale Tina Balì, Anna Federici del Consiglio direttivo Coldiretti Bio, la presidente di FederBio Maria Grazia Mammuccini e il vicepresidente della Cia-Agricoltori Italiani, Matteo Bartolini.

L'Europarlamentare in Commissione Agricoltura Isabel Carvalhais ha annunciato il voto nella sessione plenaria di dicembre del Report sulle aree rurali, di cui è relatrice, in cui si chiede di promuovere l'inclusione delle donne in agricoltura.

Presentate poi due esperienze italiane di richiamo internazionale con Isabella Dalla Ragione, presidente della Fondazione Archeologica Arborea impegnata nel recupero di tanti tipi di frutta, come le ciliegie bianche, mentre Anna Kauber ha presentato il suo video 'In questo mondo' che racconta le storie delle donne pastore italiane dopo un lungo viaggio in tutte le regioni italiane e l'ascolto di 100 testimonianze.

Piena condanna delle violenze sulle donne durante il lavoro nei campi. La denuncia è arrivata dalla segretaria Flai-Cgil nazionale Tina Balì. 

 

 

Agricoltura: arriva lo sharing dei macchinari innovativi:  Difficoltà di accesso al credito per le donne in agricoltura. E per fermare il declino e l'allontanamento dalle aree rurali, oltre agli strumenti tradizionali, occorre "lanciare e sostenere strumenti creativi di innovazione tecnologica" e introdurre processi di intelligenza artificiale, macchinari e trattori che non usano la benzina ma biocombustibili, energie rinnovabili di ultima generazione.

"Ma nessuna piccola azienda delle aree interne italiane ha le risorse per accedere a questi strumenti: per questo ci impegneremo per avviare nuove forme di sharing delle tecnologie e dei macchinari innovativi", ha detto Camilla Laureti (Europarlamentare S&D). Non solo cooperative e consorzi, spiega Laureti, "ma anche vere e proprie ‘comunità dell’innovazione’ che possano condividere le tecnologie necessarie per la sostenibilità economica e ambientale delle aziende agricole”. “Sono due gli obiettivi che vogliamo raggiungere in questo scorcio di legislatura europea”, dice ancora l'europarlamentare umbra. “Prima di tutto, un canale privilegiato di accesso al credito per le donne che rilevano e gestiscono un’azienda agricola, particolarmente se si trova in aree interne e se si sceglie la strada dell’agroecologia e del biologico. In secondo luogo, vogliamo lanciare e sostenere strumenti creativi di innovazione tecnologica. Agricolture di punta come il biologico hanno maggior bisogno di tecnologie avanzate: si deve passare da regole uguali per tutti, come quelle che finora hanno spinto verso l’uso eccessivo di prodotti chimici nei campi, a trattamenti che tengano conto delle caratteristiche specifiche dei terreni, delle condizioni meteorologiche e geografiche". SEB/CR Europarlamentare Laureti (S&D),per le donne canali dedicati

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X