Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Recovery: da fisco ad Ateco, nasce tavolo per la gastronomia

Recovery: da fisco ad Ateco, nasce tavolo per la gastronomia

Terra e Gusto
© ANSA

(ANSA) - ROMA, 27 SET - Dal fisco ai codici Ateco: per spingere la ripartenza della gastronomia made in Italy e ristorazione di qualità nasce un tavolo tecnico costituito dal ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli e dalla viceministra allo Sviluppo Economico Alessandra Todde con gli esperti del comparto. Lo annuncia l'Associazione degli Ambasciatori del Gusto. "Ora più che mai occorre un'azione di rilancio del comparto per consentirgli di assumere in pieno il ruolo di volano per tutto l'agroalimentare italiano" dichiara Cristina Bowerman, presidente degli Ambasciatori del Gusto. All'ordine del giorno i punti cruciali per conferire la giusta prospettiva e garantire il futuro del settore. "La categoria, tramite le sue rappresentatività unite negli intenti e con obiettivi comuni, ha bisogno di avviare e mantenere un dialogo permanente con le Istituzioni, in modo da presentare in modo continuativo e propositivo le riflessioni, le esigenze tecniche e attivare progettualità" commenta Carlo Cracco Ambasciatore del Gusto.

Per rendere efficace ed efficiente questo scambio di idee e di vedute, tra le richieste avanzate, quella di realizzare un ufficio dedicato alle politiche di settore e di filiera, come necessario e costante punto di riferimento amministrativo. Altro tema di discussione sarà rappresentato dal Fondo ristorazione, risultata una delle più importanti misure di sostegno, la prima dedicata in maniera esclusiva al settore della ristorazione. "Il comparto ha bisogno di un concreto riordino dei codici ATECO, non più rispondenti alle attuali esigenze di mercato e che necessitano di una riforma organica, delineando nello specifico e con esattezza ciò che è ristorazione e ciò che non lo è" ribadisce Carlo Cracco Ambasciatore del Gusto.

"Occorre inoltre la realizzazione di una tax area dedicata al comparto che, a differenza di quelli a cui oggi è rapportato (pubblici esercizi), ha un rischio d'impresa molto diverso e sempre maggiore. Il Cashless oggi è uno strumento fondamentale per tutti, veloce e trasparente. Favorirne l'utilizzo attraverso strumenti di agevolazione rappresenta la chiave per risolvere le criticità storiche legate al compart." spiega Cristina Bowerman.

(ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X