Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto E' l'ora degli Orange Wines, nel calice il quarto colore del vino

E' l'ora degli Orange Wines, nel calice il quarto colore del vino

Terra e Gusto
E' l'ora degli Orange Wines, nel calice il quarto colore del vino
© ANSA

Bianchi, rossi, rosati, e sempre più spesso Orange Wines. Cresce anche in Italia, ma in Giappone, Australia, Francia e Usa è già boom, l'attenzione per il quarto colore del vino, un nettare arancione spento prodotto da uve bianche attraverso la macerazione prolungata. Il mosto in fermentazione, spiega Diego Colarich, tra i promotori dell'Orange Wine Festival, "rimane a lungo in contatto con le bucce dei chicchi d'uva, traendo da esse i tannini e il colore arancione con tendenze all'ambra. Il risultato è un vino grezzo, non filtrato, capace di esprimere sentori interessanti che raccontano un lavoro ecosostenibile in vigna, senza alcun uso di pesticidi, e poi nei lieviti in cantina. I pionieri, due decenni fa, si contavano su una mano tra i Colli orientali del Friuli, Istria e Georgia, ma ora dobbiamo ampliare la sede del Festival, con una edizione in autunno a Trieste, e dalla Puglia ci chiedono scambi e collaborazioni.

Per i produttori, al momento, l'Italia è l'ultimo mercato, mentre il primo è il Giappone perché questo gusto aspro e soprattutto il retrogusto toglie untuosità al pesce crudo, e risulta quindi un abbinamento ideale per sushi e sashimi. Idem per la cucina brasiliana. La Francia non produce Orange Wines ma tutti i grandi chef stanno abbracciando questa produzione introducendola nelle carte dei vini a prezzi superano di gran lunga quelli dei bianchi.

Fioccano poi gli ordini dagli Usa e dalla Germania". In Puglia Cantine Imperatore, la prima azienda vinicola a spumantizzare un autoctono come il minutolo, ha chiamato il suo orange proprio "IV Colore". ""Ho riscoperto la tradizione degli orange per riproporre - spiega il giovane produttore Vincenzo Latorre in occasione di Cantine Aperte, evento promosso dal Movimento turismo del Vino - in chiave moderna il vino del contadino. Si tratta di un Pampanuto in purezza. Sono alla seconda vendemmia, appena 2mila bottiglie, ma tutte è sold out, con fan che spaziano dalla California al Nord Europa, e nei migliori ristoranti di pesce pugliesi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X