Domenica, 25 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica 'Il mare che sale', come adattarsi a un futuro sott'acqua

'Il mare che sale', come adattarsi a un futuro sott'acqua

Scienza e Tecnica
“Il mare che sale. Adattarsi a un futuro sott’acqua” di Sandro Carniel (edizioni Dedalo, 96 pagine, 12,50 euro)
© ANSA

Ci sono azioni concrete, alcune tecnicamente già fattibili, per affrontare l'innalzamento globale dei mari e preparare per tempo le nostre città e infrastrutture: lo spiega l’oceanografo e divulgatore Sandro Carniel nel suo nuovo libro “Il mare che sale. Adattarsi a un futuro sott’acqua” (edizioni Dedalo, 96 pagine, 12,50 euro).

Dirigente di ricerca del Cnr e direttore della divisione ricerca del Cmre (l'unico centro per la ricerca e la sperimentazione marittima della Nato), Carniel offre ai lettori un testo breve e agile, simile a una lectio magistralis, in cui affronta la complessità dell'innalzamento dei mari dovuto al cambiamento climatico. La sua analisi parte da esempi concreti dell'aumento del livello delle acque, come quello che ha interessato la tenuta alle Hawaii dove venne girata la serie televisiva Magnum P.I., oppure le isole della Malesia che hanno fatto da sfondo alle avventure di Sandokan. Non manca ovviamente Venezia, dove il segno delle alghe sui palazzi è salito in alcuni casi anche di 70 centimetri rispetto a com’era nei quadri del Canaletto.

L’elevazione marina che sta interessando tutto il mondo (e che riusciamo a misurare in modo sempre più preciso grazie ai satelliti) dipende da fenomeni geologici e astronomici, ma soprattutto dal cambiamento del clima. Le previsioni per il futuro, sempre in bilico tra incertezza scientifica e ragioni politiche, ci dicono che "dovremo affrontare un innalzamento di decine di centimetri entro il 2050 e almeno dell’ordine del metro nel 2100", sottolinea Carniel. Il fenomeno è in accelerazione e potrà portare gravi conseguenze come allagamenti, erosione delle coste, salinizzazione delle acque superficiali e difficoltà per gli ecosistemi costieri così come per le attività umane.

“Non esiste un’unica via salvifica, una singola strada da percorrere per affrontare il problema del mare che sale”, scrive l'esperto del Cnr. Oltre a limitare le emissioni, però, “esistono azioni concrete che vanno messe in campo subito per pianificare al meglio la nostra futura vita sott’acqua”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X