Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Battiston, il picco dell'epidemia di Covid fra il 26 e il 27 novembre

Battiston, il picco dell'epidemia di Covid fra il 26 e il 27 novembre

Scienza e Tecnica
Secondo i calcoli del fisico Roberto Battiston è ormai molto vicino il picco della socnda ondata di Covid-19 in Italia (fonte: Katie White/Pixabay)
© ANSA

La curva dell'epidemia di Covid-19 in Italia è ormai molto vicina al picco, previsto fra il 26 e il 27 novembre con circa 830.000 casi positivi che potrebbero dimezzarsi per Natale, anche se il numero resterà comunque molto alto e richiederà la massima attenzione. Lo indicano i calcoli eseguiti dal fisico Roberto Battiston, dell'Università di Trento, e basati sui dati forniti dalla Protezione civile.

I calcoli indicano inoltre che è stato raggiunto il picco delle ospedalizzazioni, con un totale di oltre 38.200 ricoveri compresi quelli nelle unità di terapia intensiva. Queste ultime potranno invece raggiungere il picco nei prossimi tre o quattro giorni. "Si tratta di un'indicazione concreta che si sta invertendo la tendenza", ha detto Battiston all'ANSA. "Adesso - ha aggiunto - serve la massima attenzione perché, anche se stiamo riuscendo a recuperare la situazione rispetto alla crescita esponenziale avvenuta nella prima parte di ottobre, non dobbiamo abbassare la guardia in quando la quantità di persone portatrici dell'infezione è molto alta e senza prendere precauzioni l'epidemia potrebbe ripartire con effetti terribili".

I circa 830.000 casi di infezione da nuovo coronavirus attesi fra il 26 e il 27 novembre "sono un numero molto grande, che da quel giorno comincerà a calare e potrebbe dimezzarsi per Natale, ma rimarranno comunque 400.000 persone infette attive: un numero grandissimo, che indica come l'epidemia sia molto presente nel Paese", ha osservato Battiston. Basti pensare, ha aggiunto, che "i casi sono sette volte maggiori rispetto a quelli del marzo scorso: dovremo state molto attenti alle misure perché adesso l'epidemia è molto più presente nel Paese rispetto ai tempi del lockdown".

 Regioni verso il picco in ordine sparso

Se il picco a livello nazionale è previsto fra il 26 e il 27 novembre, le regioni lo stanno raggiungendo in ordine sparso. I calcoli di Battiston indicano infatti che Lombardia, Toscana, Liguria e Piemonte, per esempio, hanno già raggiunto il picco in questi giorni, mentre per il 27 potrebbe essere la volta di Veneto, Campania, Marche, Molise e provincia autonoma di Trento; provincia di Bolzano e Campania potrebbero arrivarci a fine mese, Lazio, Emilia Romagna e Basilicata nei primi giorni di dicembre, mentre Sardegna, Abruzzo, Friuli, Sicilia e Puglia dovranno aspettare oltre metà dicembre. Valle d'Aosta, Calabria e Umbria non hanno dati che consentano di fare previsioni.

"Siamo di fronte a una situazione diversificata regione per regione per raggiungere il momento in cui l'indice di contagio Rt è minore di 1, a testimonianza del fatto che il livello di sviluppo della pandemia nelle varie regioni è diversa, anche considerando la risposta dei sistemi sanitari. L'analisi - ha rilevato il fisico - si basa solo sul momento in cui si raggiunge l'indice Rt minore di 1: più tardi questo accade, peggiore è la situazione". I calcoli indicano infine che a livello nazionale sarà necessario ancora tempo per scendere a valori confrontabili con quelli di settembre, ci arriveremo a gennaio.

La sfida, ha concluso Battiston, è imparare a usare i dati sull'andamento dell'epidemia per anticipare le situazioni generate dall'allentamento dei parametri: "Oggi abbiamo già indicazioni su che cosa accadrà fra un mese e imparare a calcolare che cosa questo comporta per evitare costi umani e sociali enormi". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X