Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica L’universo primordiale brulicava di galassie

L’universo primordiale brulicava di galassie

Scienza e Tecnica
Raffigurazione di una galassia primordiale. Il colore rosso rappresenta il gas, il blu e marrone le numerose polveri. (fonte: B. Saxton Nrao/Aui/Nsf, Eso, Nasa/Stsci; Naoj/Subaru)
© ANSA

L’universo primordiale, tra 13,5 e 10 miliardi di anni fa, brulicava di galassie: erano molto più evolute di quanto previsto dagli attuali modelli teorici, tanto da mostrare spesso un aspetto simile a quelle odierne. Lo dimostrano i risultati del progetto Alpine (the Alma Large Program to Investigate CII at Early Times), il più grande studio di galassie distanti, pubblicati in otto diversi articoli sulla rivista Astronomy & Astrophysics. Le osservazioni spingono a riconsiderare le attuali conoscenze sulla formazione ed evoluzione delle galassie.

Tra gli autori degli studi anche i ricercatori italiani dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Bologna, Firenze e Padova. Gli astrofisici hanno studiato, in particolare, nell’ambito del progetto Alpine, 118 galassie lontanissime, alcune mai osservate finora, attraverso la rete di radiotelescopi Alma (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) in Cile, gestita dall’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso). Grazie ad Alma, sono infatti riusciti a penetrare la fitta coltre di gas e polveri che circonda queste galassie primitive, permettendo di svelarne alcuni segreti.

Le galassie nell’universo primordiale non hanno avuto tempo a sufficienza per produrre stelle in grandi quantità, per questo gli astronomi non si aspettavano di trovare al loro interno così tanta polvere e metalli. “Abbiamo, invece, scoperto che l’universo primordiale è una vera fucina di galassie”, spiega Paolo Cassata, ricercatore Inaf e dell’Università di Padova, tra i firmatari degli studi. “Alcune di queste galassie, le più comuni, cominciano ad accumulare polveri e metalli. Altre invece - conclude - sono già così polverose da essere completamente invisibili ai telescopi ottici”, persino ad Hubble, abituato a scrutare l’universo più profondo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X