Venerdì, 21 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Può ospitare la vita l'oceano della più suggestiva luna di Saturno

Può ospitare la vita l'oceano della più suggestiva luna di Saturno

Nuovi indizi che l'oceano nascosto sotto i ghiacci di una delle più suggestive lune di Saturno, Encelado, è in grado di ospitare la vita. A rivelarlo le analisi della composizione dei geyser della luna, basate sui dati della sonda Cassini. Pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters la ricerca è stata condotta sotto la guida di Christopher Glein, dell'americano Southwest Research Institute (SwRI).

"Le condizioni chimiche dell'oceano di Encelado offrono un allettante suggerimento che potrebbero esistere condizioni favorevoli alla vita sotto la crosta ghiacciata della luna". ha rilevato uno degli autori, Hunter Waite dello SwRI, responsabile scientifico dello spettrometro di massa Inms (Ion and Neutral Mass Spectrometer) di Cassini.

Analizzando la composizione dei geyser della luna, i ricercatori possono infatti capire com'è l'oceano e se ha le condizioni per poter favorire la vita. La ricerca si è basata sui dati raccolti dalla sonda Cassini nata dalla collaborazione tra Nasa, e Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Italiana (Asi) durante il sorvolo di Encelado del 28 ottobre 2015, due anni prima che la missione si concludesse.

I dati indicano che la CO2 presente nei geyser potrebbe essere il frutto di reazioni chimiche che avvengono tra il nucleo roccioso della luna e l'acqua dell'oceano. Questo indica che il nucleo e l'oceano sono chimicamente complessi. A rafforzare l'ipotesi che l'oceano abbia una composizione chimica favorevole alla vita è stata anche la scoperta nei geyser di silice e idrogeno molecolare (H2), che sono spie della presenza di sorgenti idrotermali sul fondale.

Negli oceani della Terra, per esempio, le sorgenti idrotermali emettono fluidi caldi, ricchi di energia e minerali, che permettono a ecosistemi unici di prosperare. L'interfaccia tra un nucleo complesso e l'acqua di mare, secondo Waite, "potrebbe potenzialmente creare fonti di energia capaci di sostenere la vita".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X