Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

La grande macchia rossa di Giove si sta restringendo

La più grande tempesta del Sistema Solare si sta calmando. La grande macchia rossa di Giove si sta infatti progressivamente riducendo, come dimostra il video realizzato da Marco Vedovato, che lavora nel progetto internazionale Jupos, il più grande archivio digitale al mondo su Giove, che raccoglie più di 1 milione di dati, comprese immagini e disegni dei secoli passati, e fa parte dell’Unione Astrofili Italiani (Uai).


Animazione di Marco Vedovato, della UAI

 

La grande macchia rossa è un’enorme vortice anticiclonico di Giove, talmente grande da contenere, almeno fino agli anni ’70, tre pianeti delle dimensioni della Terra. Il suo diametro, però, si è progressivamente ridotto nel tempo,fino ad avere in questi giorni una dimensione analoga a quella del nostro pianeta, anche se un po’ più allungata. L’animazione di Vedovato, ricavata cucendo insieme le immagini scattate da numerosi astrofili negli ultimi tre mesi, conferma questa tendenza.

“Da metà maggio, in pochi giorni la riduzione della grande macchia rossa è stata di 3.000 chilometri, pari a circa il 20% delle sue dimensioni”, ha spiegato Vedovato. In queste ultime settimane vistose quantità di gas rosso sono state proiettate lontano dalla grande macchia di Giove. “Un fenomeno - ha rilevato - che non avevamo mai visto prima e ben quantificato dal progetto Jupos”.

Secondo gli astrofili la forma della macchia è, quindi, destinata a mutare radicalmente, passando da un ovale a un cerchio. Giove si sta, intanto, avvicinando alla minima distanza dalla Terra: il 10 giugno si troverà a meno di 641 milioni di chilometri e apparirà quattro volte più luminoso di Sirio, la stella più brillante del cielo. Secondo gli astrofili della Uai  basterà guardare verso Sud-Est intorno alla mezzanotte per trovarlo nella costellazione dell’Ofiuco. “Sarà un’ottima occasione - ha concluso Vedovato - per studiare da vicino la metamorfosi della più grande tempesta del Sistema Solare”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X