Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Missione compiuta per Lisa Pathfinder

Missione compiuta per Lisa Pathfinder

Scienza e Tecnica
Rappresentazione artistica della sonda Lisa Pathfinder (fonte: ESA/C. Carreau)
© ANSA

Missione compiuta per Lisa Pathfinder, che ha testato la tecnologia del futuro osservatorio Lisa, che l'Agenzia Spaziale Europea (Esa) intende lanciare nel 2034 per cercare nello spazio le onde gravitazionali, le increspature dello spazio-tempo predette da Albert Einstein nella sua teoria generale della relatività.

Gli ultimi giorni di Lisa Pathfinder sono stati tra i più impegnativi, poiché i tecnici al centro di controllo di Darmstadt, in Germania, hanno sfruttato ogni minuto rimasto per eseguire test su materiali e strumenti. "Questi test danno importanti informazioni ai costruttori - ha spiegato Ian Harrison, responsabile della missione - e ci fanno comprendere meglio il comportamento del telescopio spaziale sia in condizioni normali che inusuali".

Nella missione Lisa Pathfinder l'industria italiana, con Leonardo, ha svolyo un ruolo di primo piano. Ha infatti sviluppato il sistema di propulsione a gas freddo, che ha permesso di controllare l'orientamento e la posizione nello spazio della sonda con grappoli di micro-motori che possono apportare correzioni infinitesime, così da simulare una condizione di assenza totale di disturbi. Inoltre il pannello fotovoltaico, con i suoi 900 watt di potenza e con un'efficienza quasi doppia rispetto ad un pannello solare terrestre, ha fornito l'alimentazione ai sistemi della sonda.

Tutto è pronto adesso per programmare la missione Lisa (Laser Interferometer Space Antenna), che prevede tre sonde in una formazione triangolare, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra in direzione del Sole e a 2,5 milioni di chilometri di distanza l'uno dall'altro. Gli strumenti che dovranno andare a caccia delle onde gravitazionali saranno completamente isolati da tutte le forze esterne e collegati tra loro grazie a raggi laser. Lisa Pathfinder ha dovuto mettere alla prova soprattutto la sensibilità di questi strumenti, che possono essere influenzati da qualsiasi movimento, da variazioni di temperatura e da interferenze dovute a campi magnetici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X