Venerdì, 20 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere 118, emergenza casi gravi, non vaccinati tra 35 e 60 anni

118, emergenza casi gravi, non vaccinati tra 35 e 60 anni

Salute e Benessere
118, "cercano ambulanza quando non respirano, già con polmonite"
© ANSA

 Sono non vaccinati e hanno un'età compresa tra 35 e 60 anni, i pazienti Covid che chiamano l'ambulanza da casa quando hanno già febbre alta, tosse forte e difficoltà respiratoria acuta. Sono i dati nazionali raccolti dalle centrali operative del 118 con rilevazioni regionali. Il rapporto tra pazienti vaccinati e non vaccinati con sintomatologia clinica grave è nelle ultime settimane ripartito: 85% di non vaccinati e 15% di vaccinati. "Evitano l'ospedale e restano a casa fino a quando non riescono a respirare", spiegano dal 118. 

I dati forniti dalle rilevazioni regionali sulle persone che chiamano le Centrali operative 118 evidenziano che tra i vaccinati, i pazienti che hanno bisogno di un trasporto di emergenza in ospedale hanno tra i 70 e i 75 anni, specie se soffrono di precedenti patologie croniche respiratorie e cardiovascolari.

"Il numero giornaliero elevato e crescente di decessi da Covid, oltre che di malattia grave, deve imporre estrema cautela nel liquidare la variante Omicron come un brutto raffreddore", afferma il presidente del 118 nazionale Mario Balzanelli. "Si pone un problema di sicurezza nazionale perchè il virus non risparmia nessuna fascia di età, il vaccino è una risorsa salvavita ma non rende immuni - aggiunge - il vaccinato, anche dopo la terza dose, può infettarsi e può infettare. Tutto questo richiede ai milioni di vaccinati di continuare ad osservare i comportamenti di prevenzione e protezione evitando di sentirsi invulnerabili". Balzanelli ammonisce a non abbassare la guardia: "la variante Omicron dati alla mano è ovunque. Non solo, la biologia dei coronavirus ci impone di prendere in serissima considerazione che tanto più elevata è la circolazione del virus, altrettanto elevata è la possibilità che insorgano nuove varianti". "Plaudiamo alla decisione del governo di rendere obbligatorio l'utilizzo delle mascherine Ffp2 negli ambienti chiusi - conclude - e riteniamo assolutamente indispensabile proteggere con semplici occhiali anche gli occhi, perché il contagio per via oculare avviene anche indossando noi stessi la mascherina". (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X