Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Pandemia, tributo a medici e infermieri, parola come farmaco

Pandemia, tributo a medici e infermieri, parola come farmaco

Salute e Benessere
Il presidente della Giuria del premio letterario “Angelo Zanibelli-la parola che cura” Gianni Letta
© ANSA

Un tributo al lavoro di medici e infermieri, che hanno usato la parola come un farmaco per ridare speranza e supporto ai pazienti nel periodo della pandemia. È quello che arriva dal presidente della Giuria del premio letterario “Angelo Zanibelli-la parola che cura” Gianni Letta. “È molto significativo -spiega Letta- che il premio abbia come dicitura ‘La parola che cura’. Credo che in quest’anno di pandemia la cosa che più abbiamo imparato ad apprezzare è il sacrificio di medici e infermieri, lo spirito di abnegazione con cui hanno prestato assistenza in maniera esemplare e sacrificandosi oltre ogni limite ai pazienti che arrivavano purtroppo a migliaia. Ma la cosa che più ci ha stupito è stata l’umanità: infermieri e medici hanno dimostrato come la parola a volte cura più e meglio di un farmaco”. “Ci ha colpiti la premura-aggiunge Letta- l’umanità con la quale hanno saputo mettere in collegamento i pazienti con i familiari, trasmettere con la parola i messaggi di angoscia, paura e sgomento, di speranza o ancora di disperazione di chi moriva ai cari”. “Hanno usato la parola-conclude- come un farmaco che vale a volte di più e che più di un medicinale può ridare la speranza”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X