Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Narrazione strumento sociale e terapia, premio Zanibelli

Narrazione strumento sociale e terapia, premio Zanibelli

Salute e Benessere
Narrazione strumento sociale e terapia, premio Zanibelli
© ANSA

Valorizzare la narrazione come strumento sociale e terapeutico. Questo l’obiettivo del premio Letterario “Angelo Zanibelli – La parola che cura”, che nasce nel 2013. Il premio vuole ricordare Angelo Zanibelli, storico direttore della Comunicazione e delle relazioni Istituzionali di Sanofi Italia, uno dei pionieri della comunicazione nel settore della farmaceutica, non ancora intensa come quella attuale. Zanibelli si impegnò anche con passione, dopo il terremoto che colpi la città de L’Aquila, per fornire decine di case provvisorie ai dipendenti dello stabilimento Sanofi di Scoppito (Aq).

Il premio da’ voce alle storie di pazienti e di chi se ne prende cura, nella convinzione “che condividere l’esperienza della malattia sia già parte della cura”. Ad oggi sono ben 500 le opere e gli autori che hanno partecipato negli anni all’iniziativa di Sanofi, che è così divenuta riferimento sia nell’ambito sanitario che in quello letterario.”Sono riconoscente verso i giurati, il presidente e la società Sanofi - ha spiegato il figlio di Angelo Zanibelli, Andrea, membro di diritto della giuria - per ciò che hanno fatto dal primo momento. È stata una seconda famiglia che ci è stata vicino e ha costruito il premio. Quello che ha fatto mio padre in vita ci rende orgogliosi e penso che questa sia la testimonianza più bella del suo operato”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X