Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Uova con etichette contraffatte, Nas indagano su provenienza

Salute e Benessere
© ANSA

(ANSA) - ASTI, 29 DIC - Erano stoccate in un capannone privo di autorizzazioni, in condizione igieniche critiche e con codice identificativo falso o assente, le oltre 300 mila uova sequestrate in un deposito abusivo di una frazione di Asti. La struttura è riconducibile a un'imprenditrice astigiana quarantenne, indagata dalla pm della procura di Asti, Francesca Dentis, per frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.
    I carabinieri del Nas di Alessandria, guidati del tenente colonnello Biagio Carillo, in collaborazione con i colleghi dei Nas di Torino e Genova e i veterinari Asl di Asti, avevano avviato l'indagine un mese fa, a seguito di una segnalazione anonima.
    Sono state 21 le perquisizioni svolte in tre centri di imballaggio del Torinese e in 18 punti vendita della grande distribuzione in Asti, Torino, Alessandria e Genova, ignari della presunta truffa. In via di accertamento la provenienza delle uova, alcune delle quali riportavano codici identificativi di altre aziende inconsapevoli della frode.(ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X