Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Sequestro false 'Vespa' elettriche nel porto di Livorno

Sequestro false 'Vespa' elettriche nel porto di Livorno

Motori
© ANSA

Una partita di "Vespa" con marchio Piaggio contraffatto proveniente dalla Cina è stata sequestrata dai funzionari delle Dogane di Livorno in porto. Sono tutti mezzi elettrici. La presunta frode avrebbe interessato due distinte spedizioni dalla Cina di scooter elettrici in violazione alla normativa sui marchi. L'operazione ha portato alla denuncia di due legali rappresentanti della società importatrice per merce contraffatta destinata alla commercializzazione e ricettazione.
    In tutto si tratta di 71 scooter, che dopo l'omologazione, sarebbero stati venduti al pubblico a oltre 3.000 euro ciascuno per un valore complessivo di oltre 213 mila euro.
    L'attività è scaturita da una partita di merce dichiarata alla dogana di Livorno selezionata dall'analisi dei rischi elaborata a livello centrale dal circuito doganale di controllo.
    Grazie all'esame dei documenti e a una approfondita verifica della spedizione dei motocicli elettrici provenienti dalla Cina, i funzionari doganali al momento dello sdoganamento hanno rilevato evidenti analogie e similitudini degli scooter appena sbarcati con il modello "Vespa" della Piaggio. I dubbi riguardo alla probabile contraffazione e usurpazione del marchio e del design sono stati poi anche confermati dalla consulenza della Piaggio, legittima titolare del marchio, che, data la particolare importanza del caso, ha voluto procedere anche a un riscontro fisico dei prodotti trattandosi di un caso di contraffazione peculiare.
    I funzionari hanno dunque proceduto al sequestro dell'intera partita costituita da 54 motocicli elettrici, ciascuno dotato anche di indicazioni ritenute false sull'origine del prodotto per l'applicazione sullo scudo frontale dei mezzi di uno scudetto con i colori della bandiera italiana con chiare indicazioni geografiche tali cioè, spiegano dalle Dogane, da poter indurre il consumatore in errore sulla reale origine del prodotto.
    Le successive attività di indagine coordinate dalla Procura di Livorno ed effettuate dal reparto antifrode dell'Ufficio Dogane, hanno portato al sequestro di altri 17 motocicli elettrici, ritrovati a seguito di una perquisizione in un magazzino in Toscana in uso alla stessa società importatrice che ha sede legale a Milano. Anche questa società è stata perquisita da parte delle Dogane.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X