Mercoledì, 19 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Renault presenta i soci dell'ecosistema Software République

Renault presenta i soci dell'ecosistema Software République

(ANSA) - ROMA, 09 APR - Dopo l'annuncio che Luca de Meo, Ceo del Gruppo Renault, ne aveva fatto in gennaio nel corso della presentazione del piano Renaulution, l'iniziativa denominata Software République è stata ufficializzata oggi alla presenza del numeri uno delle altre aziende partner delle Losanga. Con de Meo ne hanno parlato Elie Girard di Atos, Bernard Charlès di Dassault Systèmes, Jean-Marc Chery di STMicroelectronics e Patrice Caine di Thales.
    Cinque grandi aziende francesi, leader nei rispettivi settori - è stato annunciato - si alleano per creare un nuovo ecosistema finalizzato all'innovazione nel settore della mobilità intelligente. Unendo le le loro competenze complementari, Software République punta a sviluppare e commercializzare sistemi e software per offrire a città, regioni, imprese e privati cittadini una mobilità più ricca di opportunità e sostenibile.
    Una scelta che non è casuale, visto che il settore della mobilità 'sostenibile' è in forte evoluzione e offre nuove importanti opportunità. Secondo il Boston Consulting Group, entro il 2035 il mercato globale della mobilità crescerà del 60%, raggiungendo il valore di 11.000 miliardi di euro. Il principale fattore trainante di questa crescita è l'emergere di cambiamenti tecnologici radicali - veicoli elettrici, nuovi componenti, nuovi servizi post-vendita e altri servizi a valore aggiunto - la cui quota del mercato globale della mobilità aumenterà dal 5% al 45%.
    Come ha sottolineato Luca de Meo, Ceo del Gruppo Renault, durante la conferenza virtuale di presentazione, per Software République "non vi sarà alcun baricentro, il valore di ciascuno sarà amplificato dagli altri membri. Il know-how combinato in molteplici campi come sicurezza informatica, microelettronica, energia e gestione dati, ci consentirà di sviluppare soluzioni avanzate, uniche, finalizzate a una mobilità a basse emissioni, condivisa, responsabile e Made in Europe".
    I membri di Software République hanno individuato per il momento tre aree principali di cooperazione per sviluppare e commercializzare congiuntamente sistemi di mobilità intelligente, consentendo la realizzazione di un'offerta di mobilità adattata e agile. Si tratta dei sistemi intelligenti che facilitino la connettività sicura tra veicolo e gli ambienti digitale e fisico, dei sistemi di simulazione e gestione dati che ottimizzino i flussi relativi a territori e aziende e infine di un ecosistema per l'energia che semplifichi il momento della ricarica delle auto BEV.
    In particolare Software République sta lavorando ad un sistema 'Plug and Charge' potrebbe consentire a un'auto elettrica - di qualsiasi marca - di essere rilevata automaticamente e di poter effettuare la ricarica senza bisogno di alcun intervento da parte dell'utente.
    Per promuovere l'innovazione, Software République opererà anche per creare un fondo d'investimento per finanziare le start-up più promettenti e un incubatore di start-up nel campo delle tecnologie della mobilità intelligente, in cui queste imprese avranno accesso ad un ambiente sperimentale e di sviluppo virtuale collaborativo. Per il lancio dell'ecosistema per start-up e università, i partner della Software République stanno pianificando un data challenge per contribuire allo sviluppo delle tecnologie che renderanno possibile la mobilità del futuro: elettrica, connessa e autonoma.
    Inoltre - alla luce delle recenti criticità del settore delle forniture elettroniche - i partner della nuova 'allenza' del Made in France guardano con interesse allo sviluppo delle risorse da poter condividere nella ricerca e nella produzione. "Non stiamo aggiungendo competenze - ha detto de Meo - ma le stiamo moltiplicando". Ed ha aggiunto che "Software République si occuperà anche delle tecnologie e dei veicoli completi, calibrati sulle nuove esigenze del mercato".
    In tema di crisi dei microchip è poi intervenuto Jean-Marc Chery, presidente e Ceo di STMicroelectronics che h ribadito che l'azienda si è unita alla Software République "per far sì che le sue soluzioni e i suoi semiconduttore innovativi contribuiscano all'elettrificazione e alla digitalizzazione dei veicoli e dei servizi di mobilità". Nel ricordare che sta per partire un nuovo stabilimento per chip in Francia in cui sono stati investiti 2,5 miliardi di euro, il Ceo di STMicroelectronics ha detto che "la partnership al cuore di questo progetto contribuirà anche a "rafforzare i collegamenti in tutta la filiera del valore".
    Si tratta di un "aspetto chiave durante questa fase di trasformazione del settore industriale", un chiaro riferimento alle opportunità di 'fare squadra' per difendere il prodotto francese e in generale europeo dallo strapotere dei colossi asiatici e della Silicon Valley, (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X