Giovedì, 05 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Kia Sportage ECO-Gpl 1.6 GDi, la nuova soluzione 'furba'

Tutti gli esperti, quando si affronta il tema 'rispetto ambientale', sono concordi su un punto: non esiste un'unica soluzione, ma esistono tante soluzioni, ognuna delle quali ideale per arrivare agli obiettivi comuni - riduzione degli inquinati e dei gas con effetto serra, risparmio energetico, mantenimento di una mobilità accessibile a tutti - in funzione delle esigenze e delle possibilità del singolo utente. Kia condivide pienamente questo atteggiamento, e lo dimostra il fatto che l'offerta per l'Italia comprende accanto alle motorizzazioni termiche tradizionali, ottimizzate però al fine di abbassare l'impatto ambientale, anche versioni elettrificate Mild Hybrid, Hybrid e Hybrid Plug-in, e versioni 100% elettriche. A queste si aggiungono quelle bi-fuel, con alimentazione a benzina e Gpl. Quest'ultima proposta, accessibile all'interno di tutti i segmenti coperti dalla gamma Kia - dalle city car ai grandi crossover e suv - è una delle più furbe perché consente di essere 'eco' ma senza dover stravolgere le abitudini d'uso dell'auto, come nel caso delle elettriche, o di dover dipendere da reti di rifornimento (oltre che dell'elettrico è anche il caso del metano) che non sono ancora complete. Con il Gpl si è però protetti dalle iniziative che anche localmente vengono attivate per contrastare l'uso della benzina e del gasolio, con emissioni di CO2 che sono decisamente più basse rispetto ai motori tradizionali. E in (nel) Gpl, che si trova praticamente in tutti i distributori, si abbassano anche i costi di gestione dell'auto, grazie ad un prezzo (oggi in media attorno a 0,6 euro al litro) che compensa ampiamente il consumo leggermente più elevato rispetto alla benzina. Uno degli esempi più interessanti - all'interno della gamma Kia - è la versione ECO-Gpl del crossover Sportage, che affianca con la sua motorizzazione 1.6 GDi bi-fuel 127 Cv le già note unità Eco Friendly a gasolio 1.6 e 2.0 CRDi mild hybrid e quelle a benzina 1.6 GDI da 132 Cv e 1.6 T-GDI da 177 Cv. Questa variante di Kia Sportage, che esternamente non presenta alcuna differenza rispetto alle altre versioni della gamma, è frutto della collaborazione con l'italiana BRC-MTM e la società olandese Prius AutoGasSystem. La novità più interessante - e che si apprezza nelle più diverse situazioni di guida - è la possibilità di alimentare il 4 cilindri a iniezione diretta di benzina anche con gas liquido, il tutto senza che il guidatore debba preoccuparsi di scegliere il tipo di carburante.

L'impianto fa tutto da solo: l'avviamento avviene sempre a benzina ma la centralina commuta in automatico il passaggio al gas dopo il raggiungimento della temperatura di esercizio.

Questo tipo di propulsore, va ribadito, è perfetto per chi non cerca prestazioni sportive dal crossover Sportage - i cavalli sono 127, altra cosa rispetto ai 177 del turbo benzina T-GDi o ai 185 del 2.0 GRDi - ma privilegia invece l'attenzione ai costi di gestione, sfruttando ove previste anche le agevolazioni per il Gpl) e una evidente attenzione alle tematiche ambientali.

L'essere ECO, nella gamma Kia, significa emettere meno CO2 nell'atmosfera e risparmiare le risorse. ' 'Questa grande novità nella gamma Sportage rappresenta un indubbio vantaggio competitivo - spiega Giuseppe Bitti, AD di Kia Motors Company Italy - sia perché la domanda delle motorizzazioni Gpl resta forte, specialmente tra i clienti privati, arrivando a rappresentare più del 7% del mercato. Ma anche per l'assenza di veri concorrenti di Sportage con alimentazione bi-fuel. Sportage ECO-Gpl entra appieno nella strategia di Kia, dove uno dei principali asset è anche quello di essere presenti con una gamma ECO-Gpl completa, rispondendo alla crescente necessità di alimentazioni alternative derivanti dalle sempre più stringenti restrizioni al traffico, in particolare nelle grandi città''. Sportage ECO-Gpl garantisce, tra l'altro, un'autonomia di circa 1.200 chilometri (sommando la capacità di entrambi i serbatoi) con emissioni di CO2 pari a 151 g/km nel ciclo combinato NEDC. E nell'ottica di mantenere la proverbiale affidabilità Kia - testimoniata da 7 anni e 150mila km di garanzia, valida anche per tutti gli elementi forniti da Brc - questa versione di Sportage è dotata di tecnologia Valve Care che, grazie all'immissione di uno speciale additivo stivato in un serbatoio separato, protegge le valvole dall'usura nel tempo. Grazie alla sistemazione del serbatoio toroidale per il gas - che prende il posto del ruotino di scorta sotto il pianale del bagagliaio, sostituito dal kit di riparazione con compressore - Sportage ECO-Gpl continua inoltre ad offrire la stessa grande capacità di carico, che spazia fra 491 e 1480 litri a seconda della posizione dei sedili. Due gli allestimenti previsti per questa motorizzazione, entrambi con cambio manuale a 6 marce e trazione anteriore: il Business Class che parte da 26.500 euro ed Energy che si colloca a 29.000 euro. ''I clienti Kia sono sempre più soddisfatti del design e della qualità dei nostri prodotti - ha detto Giuseppe Mazzara, direttore marketing e comunicazione di Kia Motors Italy - ma abbiamo voluto ampliare ulteriormente la possibilità di scelta garantendo un standard tecnologico elevato. Lo facciamo con la possibilità di avere una versione bi-fuel anche sul nostro prodotto più rappresentativo: il crossover Sportage, la cui versione Gpl appena lanciata sul mercato italiano, ha già suscitato un grande interesse su una parte del nostro target di riferimento''.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X