Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Riforma Codice:ok sanzioni su telefonino e 150 in autostrada

Motori
© ANSA

Gli italiani, di fronte ai contenuti della riforma del Codice della strada - ancora in fase di definizione - hanno reazioni diverse e per alcuni versi contrastanti. E' quanto viene evidenziato un una ricerca realizzata da AutoScout24 - il portale di annunci auto e moto, leader in Europa - che ha interrogato su questo tema gli automobilisti italiani. Anche se pochi ne conoscono i dettagli, nel complesso la proposta di riforma del Codice è stata valutata positivamente dal 56% degli intervistati, mentre solo il 10% la giudica negativamente. Tra le singole proposte a convincere maggiormente gli italiani sono i temi relativi all'inasprimento delle sanzioni per chi utilizza dispositivi tecnologici alla guida (89%), all'aumento del limite di velocità sulle autostrade a tre corsie fino a 150 km/h (82%), ai parcheggi 'rosa' per le donne in gravidanza (80%) e alla regolamentazione dell'utilizzo di strumenti di micro-mobilità - come monopattini e skateboard (55%). Passando al divieto di fumare in auto, che ha riscosso un parere positivo da parte del 61% degli automobilisti (e tra questi 68% afferma che la sigaretta al volante rappresenta una distrazione) è però alto il fronte dei no (30%), cioè di coloro che cercano di difendere un loro diritto o perché ritengono di subire già troppe restrizioni. Un punto su cui esistono forti perplessità (il 76% è contrario) è quello relativo alla possibilità di far circolare le bici contromano nei centri abitati, dove il limite di velocità è di 30 km/h. Per oltre la metà di questi italiani, infatti, i ciclisti devono rispettare le regole del codice della strada proprio come gli automobilisti, mentre per quasi tre su dieci (29%) il rischio è comunque troppo alto. Entrando nel dettaglio delle proposte, gli automobilisti interpellati da AutoScout24 sembrano aver compreso i pericoli dell'uso del cellulare alla guida, l'81% indica questa 'cattiva abitudine' come un rischio altissimo per se stessi e per gli altri e solo il 7% è invece contrario all'inasprimento delle multe, e afferma che 'basterebbe applicare l'attuale codice della strada'. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X