Giovedì, 05 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Life Style

Home Life Style Bvlgari e Serpenti, in mostra il racconto di una metamorfosi

Bvlgari e Serpenti, in mostra il racconto di una metamorfosi

Amore per il colore, design esuberante e una visionaria maestria artigianale. Bvlgari omaggia la sua intramontabile icona Serpenti portando alcuni dei pezzi più iconici e desiderati in più di ottant'anni di creazioni in mostra a Roma per un mese nello storico negozio di Via dei Condotti. Madrina d'eccezione, oggi all'inaugurazione, l'attrice Vittoria Puccini, che già ieri sera alla serata dei David di Donatello aveva indossato alcune meraviglie della maison.
    Nato alla fine degli anni '40 con la prima rivisitazione del motivo millenario del serpente nei bracciali-orologio avvolti nelle avanguardistiche spirali Tubogas (sensuali maglie d'oro ingegnosamente connesse tra di loro senza alcuna saldatura), il segno più emblematico del brand comincia a evolversi già negli anni '50 quando il gioielliere affianca ai modelli "classici" varianti zoomorfe rifinite da una testa preziosa con occhi in rubini, smeraldi o diamanti, disegnata per nascondere il quadrante dell'orologio. Da quel momento, l'icona Serpenti si trasforma sinuosamente in collane, bracciali, anelli di Alta gioielleria dal design inconfondibile. Fino a cambiare pelle, ancora una volta, nel 2021 con quel tocco quasi irriverente delle inconfondibili scaglie di Serpenti Viper.
    La mostra romana ripercorre oggi le tappe più significative di questa metamorfosi, con l'occasione unica di poter ammirare dal vivo creazioni storiche provenienti dalla Collezione Heritage e da esclusive raccolte private, come la spilla in oro con onice, corallo, berillo e diamanti, mai esposta prima, scelta come oggetto di scena per il film Inferno di Dario Argento. Teste preziose ricoperte di diamanti, livree con scaglie in smalto o sagomate in oro e persino uno spiritoso rettile che mostra una lingua in smalto rosso dalle fattezze umane raccontano invece l'estro dei bracciali-orologio degli anni '50 e '60. Per arrivare fino all'oggi e agli esemplari della Collezione di Alta gioielleria, con una collana in oro giallo e bianco, smeraldi e diamanti (ingresso libero in rispetto delle norme anti Covid).
    (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X