Venerdì, 15 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Ue, insediamento nuova Commissione primo dicembre è possibile

Primo piano
Ue, insediamento nuova Commissione primo dicembre è possibile
© ANSA

BRUXELLES - "Riteniamo vi sia una finestra affinché la Commissione di Ursula von der Leyen" inizi il suo mandato "il primo dicembre", anche se "a fissare il calendario delle audizioni sarà il Parlamento europeo". Lo ha detto Eric Mamer, portavoce del cosiddetto team di transizione (così viene indicata la Commissione entrante, in questa fase), che oggi, per la prima volta, è intervenuto al briefing di mezzogiorno. Ma il percorso è ancora ad ostacoli: manca ancora il candidato romeno e c'è il caso del commissario britannico.

Venerdì von der Leyen ed il leader dell'Eurocamera, David Sassoli, si sono incontrati, per mettere a punto un possibile calendario e chiudere per il primo dicembre, salvo imprevisti di nuove bocciature. Ma se la Francia nei giorni scorsi ha designato l'ex ministro dell'Economia Thierry Breton, e l'Ungheria l'ambasciatore presso l'Ue, Oliver Varhelyi, il candidato romeno manca ancora. Proprio oggi gli occhi sono rivolti verso Bucarest, dove il Parlamento voterà la fiducia al governo del conservatore Ludovic Orban (Pnl-Ppe). Se ci sarà un via libera, il nome del nuovo commissario potrebbe arrivare a von der Leyen oggi stesso.

A preoccupare è anche il caso britannico. La nuova proroga concessa a Londra fino al 31 gennaio, per quanto flessibile (il Regno Unito ha cioè la possibilità di uscire anche prima di quella scadenza), impone la nomina di un commissario, fino a quando il Paese resterà membro dell'Ue. "Sono in corso contatti tra le autorità britanniche e la presidente eletta", ha spiegato il portavoce Mamer, che tuttavia non è voluto entrare nei dettagli su come si intenda risolvere la questione. Altra incognita è il possibile conflitto di interessi per il candidato francese Breton, amministratore delegato della società di informatica Atos. Ma nel caso di una nuova bocciatura all'Eurocamera, si aprirebbe una probabile crisi interistituzionale nell'Ue.

 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X