Martedì, 21 Maggio 2019

Da Despacito a Rovazzi e Morandi, è sfida per il tormentone 2017

ROMA. Come ogni estate si ripete lo stesso scenario, con quella canzone che ti entra nella testa e non esce più, quei motivetti che non puoi fare a meno di canticchiare, anche se non ti piacciono, anche se non sai le parole o sono completamente distanti dai i tuoi gusti musicali.

Potenza del tormentone estivo.

E quello del 2017 quale sarà?

In pole position c'è Despacito di Luis Fonsi, ma gli italiani incalzano, a cominciare dallo strano duo Rovazzi-Morandi, dai potenti TheGiornalisti mentre scende in campo, sperando in un bis di Roma-Bangkok, anche la rapper Baby K.

Despacito (Luis Fonsi) - «Pasito Pasito, suave suavecito» il motivetto scritto e cantato da Luis Fonsi ha infranto tutti i record entrando in classifica in tutto il mondo, con artisti internazionali che hanno voluto ricantarlo, come Justin Bieber nella versione «Despacito Remix». Tema vivace e ritornello orecchiabile, parla dell’attrazione immediata tra uomo e donna.

Volare (Fabio Rovazzi & Gianni Morandi) - Se l’anno scorso siamo 'Andati a comandare', quest’anno siamo pronti per 'Volare'! Il featuring impossibile che nessuno si sarebbe mai aspettato con il mitico Morandi è già un successone. Il video è una trovata geniale con il rapimento della moglie di Morandi e con storia surreale, arricchita anche dalla partecipazione di personaggi del mondo del web e dello spettacolo (Javier Zanetti, Saluda Andonio e gli immancabili J-Ax e Fedez).

Something just like this (The Chainsmokers feat. Coldplay) - E' una ballad che si intreccia su un arrangiamento EDM che va in crescendo, resa tale grazie anche alla voce di Chris Martin. Dal ritmo orecchiabile e con il ritornello che ti entra in testa «I want something just like this, Doo-doo-doo, doo-doo-doo».

Pamplona (Fabri Fibra & TheGiornalisti e Riccione) - TheGiornalisti, band rivelazione dell’anno con 'Sold out' e 'Completamentè, e il rapper 'Fenomeno' Fabri Fibra, generano un’accoppiata esplosiva. Il ritornello è noto: «Siamo come i tori a Pamplona/Pa-Pamplona!». Un testo non banale, ma di denuncia, come è nello stile del cantante di Senigallia che mischia il glamour con la cronaca nera italiana. E sempre di TheGiornalisti spopola l’estivissima Riccione.

Súbeme la Radio (Enrique Iglesias) - L’immancabile canzone estiva di Enrique Iglesias ci accompagna ormai dal 2014, con Bailando, El Perdón e Duele el Corazón. Oscurata dalla potenza di Despacito, ha le carte in regola per farci danzare grazie a un motivetto accattivante in pieno stile reggeaton.

Senza pagare (Fedez & J-Ax) - Dopo il successo dell’estate 2016 'Vorrei ma non posto' , il duo rap cerca il bis con 'Senza pagarè con il featuring del rapper internazionale T-Pain. Nel video anche l’amico Rovazzi, la fidanzata Chiara Ferragni e una presenza illustre come Paris Hilton.

Voglio ballare con te (Baby K) - Il nuovo singolo interpretato con lo spagnolo Andrès Dvicio è un ritorno al ritmo latino-americano per la rapper italiana dopo l’exploit di 'Roma- Bangkok', super-hit da 8 dischi di platino. Qui c'è un suono reggaeton.

Yo Contigo Tu Conmigo (Alvaro Soler) - Non c'è estate senza Alvaro Soler: dopo aver imperversato per due anni consecutivi con 'El mismo sol', 'Sofià e 'Libre', è in radio con il
nuovo singolo, registrato con la band rivelazione sudamericana Morat e nella colonna sonora di Cattivissimo me 3.

L’esercito del selfie (Takagi & Ketra ft. Lorenzo Fragola, Arisa) - Sonorità anni '60 completamente remixate in chiave moderna. Il testo è scritto da Tommaso Paradiso, frontman dei Thegiornalisti che ha partecipato anche alla composizione del brano insieme agli stessi Takagi & Ketra, e ha visto la partecipazione vocale dei cantanti Lorenzo Fragola e Arisa. Amatissimo dai ragazzini, è uno dei super tormentoni dell’anno.

Tra le granite e le granate (Francesco Gabbani) - Dopo aver fatto ballare tutti, persino la scimmia, con 'Occidentalìs Karmà, il trionfatore di Sanremo ritorna con un brano orecchiabile e un ritornello che ti rimane subito in testa, soprattutto per il gioco di parole con il termine «E-state».

Lento/Veloce (Tiziano Ferro) - Il mestiere della vita, sicuramente Tiziano lo fa benissimo, sfoderando sempre nuove hits. Lento/Veloce è un brano che fonde le due anime del cantante di Latina, quella hip hop e R'n'B con il pop italiano. Il ritornello contiene tutto il senso della canzone: l’amore si divide tra ciò che è veloce e quindi facile, e ciò che è  lento, difficile, come sentimento, lungo e spesso travagliato.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X