Giovedì, 14 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

William, Harry e l'ultima telefonata troppo breve con Diana: "Il rimorso ci perseguita"

ROMA. "Noi volevamo giocare, non perdere tempo al telefono. Non potevamo sapere che sarebbe stata l'ultima chiacchierata con nostra madre e il rimorso ci perseguita".

William e Harry rendono omaggio a Diana, parlando a cuore aperto in un documentario tv, "per far capire davvero chi era la mamma".

A quasi vent'anni dalla scomparsa di Diana (era il 31 agosto del 1997), in alcune anticipazioni diffuse dalla stampa britannica i due principi raccontano diversi aneddoti della loro adolescenza, di come la principessa fosse una madre allegra e diversa, che faceva di tutto per far avere loro una vita normale.

Ma anche di quell'ultima telefonata che Diana fece loro mentre lei era in vacanza in Francia. Una telefonata frettolosa, come quella che può esserci tra due adolescenti e una madre.

Loro volevano giocare con i cugini, la madre voleva chiacchierare.

Sarà proprio la brevità della telefonata a perseguitare i due principi: la principessa Diana morì quella stessa notte in un incidente nel tunnel dell'Alma a Parigi. William aveva 15 anni, Harry soltanto 12.

Sono proprio i due fratelli a raccontare di quel 'maledetto' giorno nel documentario di ITV, 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso oggi.

"Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo non sarei stato così indifferente", racconta William. Che aggiunge: "Ma quella telefonata mi si è conficcata in testa, anche in maniera pesante".

Harry dice che quella breve chiacchierata è qualcosa che rimpiangerà per il resto della sua vita. "Ricordando oggi quella telefonata, è veramente difficile. Dovrò affrontarlo per il resto dei miei giorni, non sapendo che quella sarebbe stata l'ultima volta che avrei parlato con mia madre. Come sarebbe stata diversa la conversazione se avessi avuto anche la minima idea che la sua vita sarebbe stata presa quella notte".

Una morte "che ci colpì come un terremoto".

Nel documentario, i due fratelli raccontano anche di una madre "divertente, sempre sorridente". Diana li ha sempre incoraggiati a essere 'monelli' e li viziava con i dolci. "Era una ragazzina lei stessa" che comprendeva "la vera vita fuori dalle mura del Palazzo e che ha cercato di farci fare una vita normale", sorride William ricordando anche di quella volta che, tredicenne, tornò da scuola e la mamma gli fece trovare davanti Cindy Crawford, Naomi Campbell e Christy Turlington, le tre top model dell'epoca di cui aveva un poster nella stanza.

"Sono arrossito e non sapevo cosa dire. Credo di aver balbettato qualcosa e di essere inciampato mentre salivo le scale. E' davvero un bel ricordo che vivrà con me per sempre".

Il principe ha poi raccontato di parlare sempre di nonna Diana con i figli George e Charlotte "per mantenerne viva la memoria": "Sarebbe stata una nonna meravigliosa, li avrebbe amati alla follia".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X