Sabato, 15 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Mattarella battezza nuovo Frecciarossa e lo chef Cracco cucina per lui - Foto

Mattarella battezza nuovo Frecciarossa e lo chef Cracco cucina per lui - Foto

MILANO. Per il viaggio inaugurale tra Milano e Roma ci sono volute due ore e 55 minuti. Ma quando potrà viaggiare a 350 chilometri all'ora, esprimendo tutta la sua potenza, i tempi di percorrenza potranno scendere fino a due ore e venti minuti.  Il Frecciarossa 1000, il nuovo treno superveloce di Trenitalia, è stato battezzato nel giorno della Liberazione, e per l'occasione, ha viaggiato con un passeggero d'eccezione, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dai ministri Graziano Delrio e Dario Franceschini e dai vertici delle aziende coinvolte nella creazione del supertreno, da Bombardier a Fs, da AnsaldoBreda a Bertone (che ne ha curato il design).

Il treno più veloce d'Europa (velocità di «crociera» di 350 chilometri all'ora, velocità massima 400 chilometri) debutterà il 14 giugno («puntuale all'appuntamento con Expo» ha detto l'ex a.d di Fs e a.d di Finmeccanica, Mauro Moretti) con i primi sei convogli che effettueranno otto collegamenti tra Roma e Milano (7 dei quali toccheranno Torino e 4 Napoli). I collegamenti saliranno a 14 a settembre e a 22 a dicembre, quando dovrebbero arrivare anche le autorizzazioni per aumentare la velocità da 300 a 350 chilometri. La consegna dei 50 treni, costruiti da Bombardier e AnsaldoBreda e acquistati da Trenitalia per 1,6 miliardi di euro, si concluderà nel 2017 e consentirà di spostare parte dell'attuale flotta di Frecciarossa sulle dorsali adriatica e tirrenica, affamate di treni veloci. «A parte il discorso sulla bellezza e l'antichità preferisco il nuovo Frecciarossa 1000» al treno storico del Quirinale perchè quello «era per una sola persona» mentre il Frecciarossa «è per tutti», ha detto Mattarella dopo aver visitato il treno della Presidenza della Repubblica, restaurato ed esposto alla stazione Centrale di Milano accanto al Frecciarossa 1000. Il supertreno, per cui non sono previsti rincari nei biglietti, «è uno degli elementi che può aiutare la ripresa» ed è un segno del fatto «che l'Italia vuole continuare a investire in un settore come quello ferroviario», ha detto l'a.d di Fs, Michele Mario Elia.

Per il presidente Marcello Messori si tratta di «un treno magnifico che esprime la capacità di innovazione tecnologica del Paese», con un «impatto ambientale estremamente contenuto» e in grado di viaggiare su «tutte le infrastrutture europee». Anche per Delrio il treno «è un segno dell'Italia che ce la fa» puntando sui «tecnologia e innovazione». E se la sfida dell'alta velocità è «vinta, adesso l'Italia ha davanti una sfida enorme che è quella di migliorare molto il trasporto regionale dei pendolari» ha aggiunto, indicando nella necessità di «connettere meglio il Sud» l'altra «priorità» del governo. Sul treno, dove il pranzo è stato servito dallo chef stellato Carlo Cracco, è salita anche Manuela Olivieri, vedova di Pietro Mennea. La «freccia del Sud», a cui Moretti promise di intitolare il treno nel giorno della scomparsa, «avrebbe considerato un privilegio vedersi intitolato questo treno e ne sarebbe stato molto orgoglioso», ha dichiarato. «È una dedica azzeccatissima, Mennea è il simbolo di un'Italia che non solo andava veloce ma era solida» ha detto Delrio ricordando un atleta capace non solo di risultati sportivi eccezionali, ma anche di conseguire, sudandosele sui libri, quattro lauree.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X