Lunedì, 06 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società "Suora sexy" in un cartellone pubblicitario: scoppia la polemica a Napoli - Foto

"Suora sexy" in un cartellone pubblicitario: scoppia la polemica a Napoli - Foto

NAPOLI. Quel manifesto 6x9 nel centro di Napoli, non poteva passare inosservato. Mostra una modella vestita da suora col seno solo in parte coperto dalle mani che stringono un rosario. Un jeans completa la 'mise' della modella sexy scelta dall'azienda di abbigliamento femminile che ha messo a punto la campagna provocatoria, la Rosso di Sera. Abbastanza per attirare su di sè proteste e polemiche nella settimana che precede l'arrivo del Papa a Napoli, atteso nel capoluogo partenopeo per sabato 21 marzo.

Il cartellone, appena fissato sulla facciata di un edificio di via Marina, ha subito innescato tra i passanti un'accesa discussione sull'opportunità della scelta in previsione anche dell'imminente visita in città di Papa Francesco.
Il manifesto choc ha fatto il giro dei social e dei siti delle maggiori testate italiane: sul profilo Facebook della rivista 'San Francesco patrono d'Italia' fedeli sconcertati. «Voi che cosa ne pensate?» è la domanda posta sotto la foto. Un post che è stato rapidamente commentato da oltre 300 persone. Praticamente tutte si sono espresse in maniera negativa.

Reazioni negative anche dalla politica: il senatore Pietro Langella (Ap), coordinatore provinciale dell'Ncd a Napoli, non ha dubbi: «Lo dico con molta onestà. Capisco la provocazione - spiega in una nota - e mi rendo conto che i pubblicitari debbano spingersi sempre oltre i limiti della creatività per fare colpo. Tuttavia, scusatemi se mi permetto: 'schiaffare' una fotomodella vestita da suora su un cartellone nove per sei, a pochi giorni dalla visita di Papa Francesco a Napoli, oltre che un'offesa alla fede cristiana, è una figuraccia che avremmo tranquillamente potuto risparmiare alla nostra città.  Quanto basta per sollecitare la reazione dell'azienda che affida a una nota le sue ragioni spiegando che non c'era alcun intento offensivo verso il Papa.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X