Mercoledì, 23 Ottobre 2019

Governo, per la Sicilia due viceministri e quattro sottosegretari - Foto

La squadra del Conte bis è finalmente al completo. Una nottata di lavoro attorno a nomi e caselle ha prodotto una squadra di sottosegretari composta da 42 persone, di cui 10 viceministri. La cerimonia del giuramento è stata fissata per lunedì mattina a Palazzo Chigi.

Tra le nomine spiccano 6 siciliani: 2 viceministri e 6 sottosegretari. Una squadra di governo "impostata per durare fino a fine legislatura", commenta il ministro Vincenzo Spadafora. "Ci sono donne molto competenti e di esperienza, e sono rappresentate tutte le regioni. Un lavoro portato avanti con forza", aggiunge.

Giancarlo Cancelleri, nisseno e grillino della prima ora, è stato nominato viceministro alle Infrastrutture. Già candidato come governatore alle scorse elezioni regionali in Sicilia, Cancelleri è portavoce all'Ars del M5S. Tra le sue cariche c'è quella di Vice Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana e componente della Commissione I - Affari Istituzionali.

L'altro viceministro è il palermitano Vito Crimi, senatore ed ex presidente del gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle al Senato. È stato il candidato presidente per il Movimento 5 Stelle alle elezioni regionali lombarde del 2010, in occasione delle quali ha ottenuto il 3% delle preferenze. Per lui la nomina di viceministro all'Interno.

Altro palermitano è Manlio Di Stefano (M5S), Sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri, prima nel primo governo Conte e riconfermato nel secondo. Alle politiche del 2018 è candidato alla Camera nel collegio uninominale di Milano 3, dove non risulta eletto.

All'Economia, con i viceministri Antonio Misiani e Laura Castelli andrà Alessio Villarosa di Barcellona Pozzo di Gotto. Alle elezioni politiche del 2018 è stato rieletto deputato nel collegio uninominale di Barcellona Pozzo di Gotto con il 43,71%.

Al Lavoro il palermitano Steni Di Piazza (M5S), vicepresidente dal 21 giugno 2018 della sesta Commissione permanente (Finanze e tesoro). Di Piazza aprì nel 2007 e diresse per alcuni anni la filiale della Banca etica a Palermo. Il suo campo d'elezione, quindi, è quello del credito.

All'Istruzione va la siracusana Lucia Azzolina del M5S. L'esponente grillina è risultata la donna più votata alle parlamentarie per il quadrante Novara-Biella-Vercelli-Verbania e parte della provincia di Alessandria, risultando la donna più votata. È membro membro della VII Commissione cultura, ricerca ed istruzione della Camera dei Deputati.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X