Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Foto Multimedia Addio a Talus Taylor, l'inventore dei Barbapapà

Addio a Talus Taylor, l'inventore dei Barbapapà

ROMA. Resta di stucco è un barbatrucco: tutti i bambini conoscono la frase cult di Barbapapà (dall'espressione francese Barbe à papa, zucchero filato). Ora bisognerà spiegare che il 'papà' di quel personaggio morbidoso, gommoso e duttile con la sua numerosa colorata famiglia di Barbamamma e ben sette Barbottini, è scomparso, a Parigi all'età di 82 anni.

Talus Taylor, artista americano di origine irlandese, da sempre residente a Parigi, è stato uno dei fumettisti più noti e allo stesso tempo più riservati. Nato a San Francisco, con un passato giovanile classicamente hippy, era noto per la proverbiale maniacalità nel suo lavoro al punto che non diede l'autorizzazione anni fa ad una serie animata giapponese pronta su Barbapapà perché "non all'altezza", dando solo successivamente il permesso.

La nascita del personaggio fu nel pieno del Maggio francese, ma di politico quella storia ha ben poco. "Ero un giovane insegnante di matematica e Annette - aveva raccontato l'artista, ospite di Cartoons on the bay nel 2009 - era una studentessa di architettura alla Sorbona. In quel bistrot francese, mentre gli studenti parlavano di filosofia e rivoluzione, io cercavo di conquistare Annette e cominciai a fare disegni semplici sulla tovaglia. E' nato così il personaggio e anche il mio matrimonio".
I Barbapapà - nati in Francia nel 1970 sono stati rilanciati in Italia, dopo oltre dieci anni di assenza dalle nostre librerie, nel 2006 da Il Battello a Vapore di Piemme. Così, le mamme e i papà che sono cresciuti amando le loro storie hanno avuto l'occasione di rileggerle insieme ai loro bambini. L'amore verso la natura e gli animali, il rispetto per gli altri, il desiderio di scoprire il mondo, sono al centro di tutti i fumetti.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X