Domenica, 29 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Bombe su Zaporizhzhia, torna l'incubo di un disastro nucleare

Bombe su Zaporizhzhia, torna l'incubo di un disastro nucleare

di

L’incubo di un disastro nucleare a Zaporizhzhia è sempre più forte. Mentre dopo giorni di attesa la missione di monitoraggio dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica è partita per l’Ucraina, la centrale più grande d’Europa è tornata sotto attacco, in un fuoco incrociato di accuse tra Mosca e Kiev. Una guerra di propaganda combattuta nelle stesse ore qualche centinaio di chilometri più a sud, dove l’esercito ucraino ha annunciato l’avvio di una massiccia controffensiva su Kherson, che i russi hanno subito rivendicato di aver respinto.

Una bomba colpisce il tetto della centrale

Stavolta, a Zaporizhzhia una bomba ha colpito il tetto di un edificio dove viene immagazzinato materiale radioattivo per alimentare i reattori. Nelle immagini diffuse dalle autorità fedeli a Mosca che controllano l’impianto compare uno squarcio che sarebbe stato provocato da «un colpo d’artiglieria da 155 mm sparato dalla città di Nikopol, sul lato opposto del Dnepr», con “un obice M777 fabbricato negli Stati Uniti». Un attacco condotto proprio con l’obiettivo di sabotare la missione dell’Aiea e impedirne la collaborazione con Mosca, è la denuncia degli amministratori filorussi di Energodar, la città in cui sorge la centrale. Una ricostruzione negata da Kiev, che torna ad accusare il nemico di alimentare un caos organizzato. «Perché la Russia lo fa? Perché la Russia compie un ricatto delle radiazioni? Lo stesso obiettivo, completamente cinico, completamente calcolato: intimidire gli ucraini, intimidire tutti gli europei. Ricatto e coercizione», ha replicato il presidente Volodymyr Zelensky, avvertendo che è in Europa che “il vento può portare queste radiazioni se, Dio non voglia, accade un disastro».

Arrivano i tecnici dell'Aiea: c'è un italiano

In questo clima di altissima tensione, i tecnici dell’Aiea, tra cui l’italiano Massimo Aparo, vicedirettore dell’ente, sono sbarcati in Ucraina con l’obiettivo di fare chiarezza sullo stato dell’impianto e, possibilmente, metterne al sicuro il materiale radioattivo. Dopo giorni di pressioni internazionali per un monitoraggio indipendente, oggi il gruppo di ispettori dell’agenzia Onu, guidato dal direttore generale Rafael Grossi, ha lasciato Vienna per Kiev. «Il giorno è arrivato. La Missione di supporto e assistenza a Zaporizhzhia (Isamz) è in arrivo. Dobbiamo proteggere la sicurezza del più grande impianto nucleare dell’Ucraina e d’Europa», ha annunciato Grossi, dicendosi «orgoglioso di guidare questa missione». Un’operazione che sarà «la più difficile nella storia dell’organizzazione» a causa delle minacce di Mosca, secondo il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Ma il Cremlino si dice pronto ad accogliere gli ispettori internazionali e garantirne «i necessari livelli di sicurezza», almeno «sul territorio controllato dalla Russia».

La controffensiva a Kherson

Intanto, mentre i bombardamenti russi non si fermano e colpiscono anche il centro di Mykolaiv, provocando almeno due morti e 5 feriti, il conflitto vive ore cruciali sul fronte meridionale. Le forze di Kiev hanno annunciato una controffensiva nella regione di Kherson, tra le prime a finire in mani nemiche, con l’obiettivo di respingere i russi al di là del fiume Dnepr. «Oggi abbiamo iniziato azioni offensive in varie direzioni, anche nella regione di Kherson», ha affermato Natalia Humeniuk, portavoce del comando militare sud. Per Serhiy Khlan, deputato del Consiglio regionale di Kherson, le truppe ucraine sono già penetrate nella prima linea difensiva russa del fronte e il 109/mo reggimento dei filorussi di Donetsk si sarebbe ritirato dalle sue posizioni di difesa, insieme a un’unità d’assalto aereo russa che doveva sostenerlo. Ricostruzioni smentite dal comandante delle forze russe in Crimea, Sergei Aksyonov, secondo cui si tratta di «fake news della propaganda ucraina». Mosca ha ammesso il tentativo di offensiva ucraina su Kherson e Mykolaiv da tre direzioni, dichiarando di averlo respinto infliggendo «pesanti perdite» al nemico. Per la Difesa di Vladimir Putin, gli ucraini hanno perso oltre 560 uomini, 26 tank, 23 mezzi di trasporto del personale militare e due aerei. Kiev, intanto, ha chiesto di evitare annunci e speculazioni, promettendo che a parlare sarà solo il campo di battaglia.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X