Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Addio a Camilleri, le foto di una carriera e l'impegno nel sociale

Andrea Camilleri ci ha lasciato. Il grande scrittore è morto questa mattina all'ospedale Santo Spirito di Roma dove era ricoverato dal 17 giugno.

In questa gallery le foto che ricordano la sua carriera, la sua fama. Era uno scrittore molto amato e che ha usato questa sua forza mediatica per raccontare di sé e del suo commissario Montalbano, ma soprattutto per intervenire sul sociale, per cercar di far arrivare ai suoi lettori, che sono tantissimi, alcune idee base di democrazia e eguaglianza e dignità che sapeva bene oggi purtroppo non sono più da dare per scontate.

La teatralità, l'abilità nei dialoghi, la costruzione delle trame sono rivelatori degli altri e non minori aspetti di questo artista, nato a Porto Empedocle (Agrigento) nel 1925, ma vissuto a Roma sin dal dopoguerra e dal 1949 regista (il primo a rappresentare Beckett in Italia) e autore teatrale e di saggi sullo spettacolo e scritti su Pirandello, oltre che per anni titolare di una cattedra di regia all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica.

Un legame con la scena mai spezzato se anche negli ultimi anni, ormai persa praticamente del tutto la vista, costretto a dettare e farsi rileggere i propri libri, gli ultimi Montalbano, si è esibito al teatro greco di Siracusa in un suo monologo ispirato alla figura del veggente cieco Tiresia e si preparava a recitarne uno nuovo a Caracalla su Caino.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X