Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Maltempo in tutta Italia, le foto del disastro: allerta gialla, anche in Sicilia

Maltempo in tutta Italia, le foto del disastro: allerta gialla, anche in Sicilia

In tutta Italia violenti temporali e venti di burrasca, con alberi caduti, tetti scoperchiati, fiumi esondati e mareggiate: ha confermato tutte le più fosche previsioni l'ondata di maltempo che ha investito gran parte dell’Italia e che ha messo a dura prova nove regioni. Da nord a sud le forze di soccorso hanno dovuto fare gli straordinari per mantenere in sicurezza strade e abitazioni. Allerta gialla anche per oggi, 23 novembre, in 10 regioni italiane, come si legge nel bollettino della Protezione Civile: nell'elenco c'è la Sicilia, assieme a Friuli Venezia Giulia, Marche, Veneto, Abruzzo, Basilicata, Molise, Umbria, Campania, Calabria.

Gravi danni soprattutto in Sardegna e Abruzzo, avvisate già da ieri dalla protezione civile con un’allerta rossa; ma se la sono vista brutta anche tante realtà in Campania e Toscana, dove peraltro i collegamenti aerei e marittimi sono subito andati in tilt. La chiusura dei parchi e l’invito delle autorità ad evitare quanto più possibile di uscire di casa non ha evitato incidenti, soprattutto per la caduta degli alberi: a Monselice, nel Padovano, una pianta di grosse dimensioni ha centrato una vettura ferendo in modo grave l’autista, salvato dall’intervento dei vigili del fuoco che lo hanno liberato dalle lamiere; a Telese Terme, nel Beneventano, un albero si è abbattuto su un’auto al cui interno non c'era fortunatamente nessuno.

In Sardegna, dove nel giro di poche ore sono caduti più di 50 mm di acqua nel sud est della regione, tra le province più flagellate c'è Oristano, dove si sono registrati allagamenti e frane e i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per pali della luce divelti, alberi sradicati e capannoni scoperchiati dal vento. Sta migliorando la situazione a Bosa, che ha dovuto fare i conti con l’esondazione del fiume Temo, che ha messo in pericolo la parte bassa della città e il centro storico. Danni e alberi caduti anche nel Nuorese. In Abruzzo sorvegliato speciale il fiume Sangro per il superamento della soglia di allarme, ma occhi puntati anche anche sul bacino alto della Marsica e su quello dell’Aterno. In Toscana, nel Grossetano, sono rimasti isolati alcuni poderi tra Castellaccia e Ribolla, tra i comuni di Gavorrano e Roccastrada, dove sono esondati alcuni torrenti che hanno reso inagibili anche alcuni sottopassi. Fermi i traghetti per Isola del Giglio e Giannutri. Allerta rossa per tutta la giornata sulla costa ferrarese, interessata, insieme a quella di Ravenna, da mareggiate che hanno devastato i litorali. In Campania la Protezione Civile ha tratto in salvo due famiglie e i dipendenti di una piccola azienda rimasti bloccati in casa a Pellezzano (Salerno), dove, in località Cologna, è tracimato il fiume Irno. A Castellammare di Stabia è esondato il fiume Sarno e tre famiglie, con alcuni bambini, sono rimaste bloccate e salvate dalla Protezione civile. Vento a oltre 30 nodi a Capri, con collegamenti fuori uso. Traghetti fermi, per burrasca, anche tra Termoli e le Tremiti (Foggia).

In Liguria il forte vento che dalla notte scorsa ha sferzato il centro e il levante ha raggiunto la media più alta: 124.2 km orari al Lago di Giacopiane nel Comune di Borzonasca (Genova), ma c'è stata anche una raffica che ha toccato 166.7 km/h. Giornata difficile anche a Venezia e dintorni, con oltre 100 tra interventi e richieste dovute da alberi pericolanti e danni da acqua. Emergenza anche a Roma dove il sindaco Gualtieri ha contato 28 episodi di criticità, tutti poi rientrati, dopo una notte in cui i vigili del fuoco hanno dovuto far fronte ad oltre 100 interventi. Ma è andata peggio a Fiumicino, sul litorale laziale, dove è stato dichiarato lo stato di emergenza per le numerose abitazioni allagate dalla pioggia e dalle mareggiate. In affanno i voli: il forte vento di maestrale che ha investito il nord ovest della Sardegna con punte di 100 km/h ha impedito in mattinata l’atterraggio all’aeroporto di Alghero dei voli in arrivo da Roma e Milano, poi dirottati sullo scalo di Olbia Costa Smeralda.

Sono stati 2.500 gli interventi dei vigili del fuoco nelle ultime 24 ore per fronteggiare l’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia, dal nord al sud dello Stivale. In Sardegna le squadre sono state impegnate in 470 interventi di soccorso, la maggior parte dei quali per prosciugamenti e messa in sicurezza di alberi danneggiati dal forte vento. Nel Lazio per fronteggiare i danni causati dalla pioggia sono stati effettuati 715 interventi di soccorso. In Veneto maggiormente colpite da pioggia e mareggiate le province di Venezia e Rovigo, dove sono stati svolti 300 interventi dai vigili del fuoco. In Friuli Venezia Giulia sono stati 180 i soccorsi per danni dovuti a pioggia e vento di Bora che ha colpito Trieste. Infine, sono stati 480 gli interventi in Campania, dove le maggiori criticità si sono registrate nella provincia di Salerno e 200 quelli svolti in Sicilia.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X