Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Foto Cinema Favino è il Comandante, l’eroico ufficiale di marina messinese Todaro

Favino è il Comandante, l’eroico ufficiale di marina messinese Todaro

Pierfrancesco Favino, fresco di nomination agli European Film Award per il suo ruolo in Nostalgia di Mario Martone che rappresenta l’Italia per le nomination agli Oscar del miglior film internazionale, interpreterà l’eroico ufficiale di marina messinese della seconda guerra mondiale Salvatore Todaro in Comandante. Diretto dall’autore emergente Edoardo De Angelis, il film è un’ambiziosa epopea contro la guerra che ha richiesto la costruzione di un sottomarino d’acciaio a grandezza naturale. Il belga Johan Heldenbergh, che ha scritto e recitato in The Broken Circle Breakdown, interpreta il capitano di una nave nemica. Le riprese sono in corso nella città portuale di Taranto set della ricostruzione di quello che fu un atto umanitario in tempo di guerra entrato negli annali della storia navale.
Nell’Oceano Atlantico il 15 ottobre 1940, Todaro comandante del sottomarino Cappellini affondò una nave mercantile belga chiamata Kabalo che trasportava parti di aerei e operava sotto il dominio britannico. Disobbedendo agli ordini del suo stesso comando salvò i 26 membri dell’equipaggio del Kabalo, inizialmente rimorchiando la loro scialuppa di salvataggio e poi, quando iniziò ad affondare, portandoli a bordo con grande rischio per la propria vita e quella del suo equipaggio. Secondo la leggenda, quando il capitano del Kabalo sbarcato in una baia delle Azzorre, chiese a Todaro perché si fosse esposto a un tale rischio, lui rispose: «Perché siamo italiani». «Un nemico indifeso non è più un nemico, è solo un altro essere umano», ha detto De Angelis, «Salvatore conosce le leggi eterne che governano il cielo e il mare».
De Angelis aveva diretto nel 2016 Indivisibili e più recentemente l’adattamento di Elena Ferrante in sei episodi La vita bugiarda degli adulti atteso dal 4 gennaio su Netflix. La sceneggiatura è scritta da De Angelis con il premio Strega Sandro Veronesi (“Il colibrì”) che ha anche scritto un romanzo del film che uscirà tramite l’editore italiano Bompiani nel gennaio 2023. Comandante è prodotto da Indigo Film con RAI Cinema e da De Angelis con i suoi produttori abituali Attilio De Razza e Pierpaolo Verga attraverso Tramp Limited e O’Groove. Uscirà in sala con 01 Distribuzione.

Tra gli interpreti Massimiliano Rossi (Indivisibili) e Silvia D’Amico (Non essere cattivo). Le riprese hanno una durata di 8 settimane e si svolgono a Taranto e a Roma. Gli effetti visivi del film sono curati dal Kevin Tod Haug (Fight club, Twilight e Panic Room) e il workflow supervisor è il premio Oscar David Stump (X - MEN, Breaking Bad, Batman Forever). I costumi sono di Massimo Cantini Parrini candidato all’Oscar per Pinocchio e Cyrano. «L’uomo alla guida di una trireme romana duemila anni fa è lo stesso che comanda un sommergibile nel 1940, in Atlantico, in piena guerra. Quell’uomo - ha detto De Angelis - si chiama Salvatore ed è forte. Affonda il ferro delle navi nemiche senza paura e senza pietà. Ma il nemico inerme non è più nemico, è solo un altro uomo e allora lo salva. Perchè l’essere umano davvero forte è quello capace di tendere la mano al debole. Salvatore è nato duemila anni fa: è un italiano». Per le riprese del film è stato ricostruito in ogni dettaglio il sommergibile Cappellini del 1940, lungo 73 metri per 70 tonnellate di acciaio, ricreato a partire dai progetti trovati nell’Ufficio Storico della Marina Militare. La sua realizzazione, in collaborazione con Cinecittà, ha coinvolto più di 100 professionisti fra ingegneri, costruttori e artigiani. I lavori sono durati 8 mesi e si sono conclusi con il varo all’interno del bacino dell’arsenale della Marina Militare.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X